Smart City e guida autonoma: il progetto di Bosch e Mercedes-Benz migliora impatto su ambiente

Il progetto congiunto di Bosch e Mercedes-Benz per lo sviluppo della guida autonoma urbana è entrato in una nuova fase. La sperimentazione del servizio di ride-hailing basata su app che utilizza i veicoli a guida autonoma Mercedes-Benz Classe-S è stata avviata a San José nella Silicon Valley. Con la supervisione di un autista di sicurezza, le auto si spostano da sole tra l’area occidentale della città e il centro, percorrendo San Carlos Street e Stevens Creek Boulevard.

San José partecipa al progetto pilota con la sua infrastruttura urbana per migliorare la sicurezza, l’impatto sull’ambiente e i flussi di traffico. Inizialmente il servizio sarà disponibile per un gruppo di utenti selezionati che, utilizzando l’app sviluppata da Daimler Mobility AG, prenoteranno una corsa sui veicoli autonomi da un punto di raccolta predefinito alla loro destinazione.

Il progetto di Mercedes-Benz e Bosch si lega all’obiettivo di “smart city” di San José. “Ci aiuterà anche a sviluppare linee guida per affrontare le nuove tecnologie e prepararci per il sistema di traffico del futuro”, ha affermato Dolan Beckel, responsabile dell’innovazione e della strategia digitale della città californiana. “Se la guida autonoma diventerà una realtà quotidiana, la tecnologia dovrà essere affidabile e sicura. Ed è per questo che abbiamo bisogno di test come il nostro progetto pilota a San José”, ha dichiarato Michael Fausten, responsabile per la guida autonoma urbana di Bosch.

Non sono solo i veicoli a guida autonoma a dover dimostrare il loro valore. Dobbiamo anche provare che possono diventare una tessera nel puzzle della mobilità urbana. A San José possiamo testare entrambe queste cose” ha spiegato Uwe Keller, responsabile della guida autonoma di Mercedes-Benz.

Bosch e Mercedes-Benz si aspettano di ricevere informazioni preziose per lo sviluppo ulteriore della guida autonoma di livello SAE 4 (nessuna assistenza da parte del conducente è richiesta nei sistemi di livello quattro: le auto sono in grado di viaggiare da sole). I partner contano, inoltre, di ricavare ulteriori dati su come le auto a guida autonoma possano integrarsi in un sistema di mobilità intermodale che includa anche il trasporto pubblico e il car sharing.

 

Previous articleBuone notizie per il fotovoltaico: abrogato l’articolo 10 del decreto Crescita
Next articleEmissioni di CO2: report indica le problematiche del trasporto marittimo