Recovery Fund, 70 milioni per il FV e l’eolico offshore al largo di Ravenna

Un polo energetico in Adriatico, al largo di Ravenna, per riconvertire le piattaforme oil & gas e realizzare un distretto marino integrato con piattaforme offshore di eolico e fotovoltaico galleggiante per produrre energia elettrica e idrogeno ‘green’.

Un maxi-emendamento approvato dalla Commissione Bilancio – riguardo alle misure per il Fondo complementare al Piano nazionale di ripresa e resilienza – ha infatti stabilito lo stanziamento di 20 milioni di euro per il 2022 e altri 25 l’anno per il 2023 e il 2024 (in tutto 70 milioni di euro). Destinati, appunto,  a un “distretto marino integrato che produrrà energia elettrica e idrogeno verde”. 

Come ipotizzato da Il Fatto Quotidiano, tra i progetti che con ogni probabilità usufruiranno di queste risorse c’è Agnes, l’hub energetico presentato ufficialmente il 18 febbraio scorso (qui la nostra news), che costerà un miliardo di euro.

Il progetto Agnes, per il quale è prevista la valutazione di impatto ambientale nel 2022, prevede la costruzione di 2 parchi eolici offshore per un totale di 65 turbine da 8 megawatt su fondazioni fisse sul fondo del mare, in due siti differenti. Il primo, Romagna 1 (15 turbine alte 130 metri), è a 17 chilometri dalla costa, tra marina di Ravenna e Punta Marina. Il secondo, Romagna 2 (50 turbine) sarà a 24 chilometri da Porto Corsini.

I parchi eolici marini saranno integrati con la realizzazione di un impianto solare fotovoltaico galleggiante di 100 megawatt, a circa 10 miglia nautiche dalla costa, attraverso la tecnologia modulare proprietaria di Moss Maritime, azienda norvegese controllata da Saipem, e parte della divisione Xsight (della stessa Saipem), dedicata allo sviluppo di soluzione innovative per la decarbonizzazione.

Tra solare ed eolico si parla di 620 Mw di capacità produttiva massima. Infine, la produzione di idrogeno: 4mila tonnellate annue di idrogeno “green” prodotto mediante l’elettrolisi dell’acqua di mare, utilizzando esclusivamente l’energia rinnovabile prodotta dalle turbine eoliche e dall’impianto fotovoltaico galleggiante, grazie a 50Mw di capacità di immagazzinamento con accumulatori al litio.

 

.

 

 

 

 

 

Previous articlePrysmian, commessa negli Usa da 900 mln di dollari per l’energia rinnovabile
Next articleAcri Group: a ZeroEmission l’agricoltura rinnovabile e l’«Acri Fotovoltaico»