Il primo motore al plasma per aerei nasce a Wuhan

La città di Wuhan torna alla ribalta, dopo la drammatica risonanza per lo sviluppo del Covid-19, ma questa volta per una grande innovazione nata dall’’Institute of Technological Sciences dell’Università locale: il progetto di un aereo alimentato da un motore al plasma che utilizzi solo energia elettrica e aria. La notizia è stata diffusa dal sito specializzato in tecnologia caixinglobal.com. Il team di scienziati cinesi ha sviluppato un prototipo che ne dimostra la fattibilità.

L’annuncio è arrivato martedì scorso, quando i ricercatori hanno dichiarato di aver sviluppato un prototipo di un dispositivo a getto di plasma in grado di sollevare una sfera d’acciaio da 1 kg (2,2 libbre) su un diametro di 24 mm (un pollice) tubo al quarzo. Questo motore comprime l’aria e la ionizza tramite microonde generando del plasma.

La spinta relativa necessaria per raggiungere i risultati ottenuti in laboratorio è equivalente a quella di un motore jet di un aereo commerciale. E poiché il dispositivo utilizza solo elettricità e aria, una versione ingrandita potrebbe rappresentare un’alternativa a zero emissioni ai motori a reazione oggi in uso in tutto il mondo. In rapporto alle sue dimensioni, il settore del trasporto aereo è infatti oggi quello che più contribuisce alle emissioni di gas serra con una quota pari al 2% del totale.

Nel progetto – specifica il sito –  l’aria pressurizzata viene iniettata in una camera e sottoposta a temperature ultra elevate (oltre 1.000 gradi Celsius) e microonde per creare un plasma ionizzato, che viene quindi espulso creando propulsione. Partendo dal prototipo sperimentato con successo a Wuhan, i ricercatori ritengono che in teoria la macchina potrebbe essere scalata fino fornire energia sufficiente a far decollare e volare un aereo.

In futuro sarebbe possibile costruire un propulsore a getto di plasma ad aria a microonde ad alte prestazioni, che porrebbe fine alle emissioni di carbonio e al riscaldamento globale causati dalla combustione di combustibili fossili“, ha affermato il professor Jau Tang dell’Università di Wuhan, principale coordinatore del progetto.

Previous articlePrysmian, commessa da 500 mln per connessione in cavo interrato in Germania
Next articleRiello Elettronica, fatturato di 300 mln con produzione made in Italy