Superbonus 110%, massima semplificazione con la modulistica unica della Cila

Nei prossimi giorni gli uffici della Funzione pubblica comunicheranno la stesura di una modulistica unica della Comunicazione inizio lavori asseverata (Cila) applicata ai lavori del Superbonus 110%. Come riporta un articolo de Il Sole 24 Ore, il governo in questo modo vuole standardizzare, chiarire e fugare eventuali dubbi sull’applicazione dell’articolo 33 del decreto legge 77 che prevede una drastica semplificazione per i lavori incentivati con il bonus del 110%.

Rispetto al modello ordinario di Cila sarà inserito lo spazio per indicare gli estremi del titolo abilitativo o del provvedimento che ne ha consentito la legittimazione. O, in alternativa, l’attestazione che la costruzione è stata completata in data antecedente al 1° settembre 1967.

Il primo passaggio verso il modulo unico sarà l’intesa del governo con Regioni e Comuni cui si lavorerà già dai prossimi giorni.

Lo stesso articolo del quotidiano economico riporta una presa di posizione dell’Ordine degli ingegneri in difesa della semplificazione prevista dall’articolo 33: «Stiamo facendo molti seminari – ha dichiarato il presidente del Consiglio nazionale degli Ingegneri, Armando Zambranoe non vedo particolare preoccupazione da parte dei professionisti. La norma per noi è chiara, soprattutto in relazione al tema delle responsabilità dei professionisti sulle difformità urbanistiche dell’edificio. Non c’è nessun rischio per il professionista, perché non è richiesto che dichiari nulla su questo punto».

Previous articleHydroetica, l’innovazione green logistica a ZeroEmission 2021
Next articleTerna, tra la Puglia e la Basilicata 18 sensori monitorano i flussi di energia elettrica