E-CHARGE | 7-8 MAY 2024 - BOLOGNAFIERE
zeroEmission Medieterranean 2024
HomeEcobonus / SuperbonusSuperbonus 110%, i partiti di maggioranza chiedono proroga al 2023
E-CHARGE | 7-8 MAY 2024 - BOLOGNAFIERE
zeroEmission Medieterranean 2024

Superbonus 110%, i partiti di maggioranza chiedono proroga al 2023

A seguito di un accordo tra i partiti di maggioranza, è stato depositato un emendamento alla Manovra di Bilancio per prorogare il Superbonus al 110% fino al 31 dicembre 2023.

La richiesta di una proroga  è firmata da una settantina di deputati di tutte le forze di maggioranza: M5s, Pd, Iv e Leu.

La misura è appena partita – ha spiegato la presidente della commissione Attività produttive della Camera, Marina Nardi (Pd) – ma rischia di subire altri stop a causa del covid. Per questo la proroga è necessaria. C’è una situazione che rende difficile la partenza reale dell’intervento, che può far ripartire l’economia e guidare l’Italia verso la transizione green“.

I firmatari ritengono che la proroga al Superbonus sia necessaria per dare un margine più ampio, soprattutto alla luce dell’emergenza Covid-19, per la fruizione di un beneficio fiscale che potrebbe davvero essere determinante per il rilancio delle costruzioni.

Marina Nardi ha poi aggiunto: «È una misura virtuosa, utile a non farci trovare impreparati quando la pandemia sarà superata, che già nei suoi primi mesi di applicazione ha dato buoni risultati pur incontrando difficoltà di ordine tecnico-burocratico segnalate anche dall’Agenzia dell’entrata. Si tratta di problematiche che tutto il Partito Democratico intende superare per rendere quindi l’accesso agli incentivi statali più veloce e quindi più efficace e per questo motivo apriremo un tavolo con il Governo per valutare tutti gli interventi necessarie per migliorare questo provvedimento. Insieme possiamo trovare la soluzione migliore».

 

 

 

Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti alla nostra community e ricevi, ogni giorno, tutte le ultime novità del settore!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Articoli correlati