Nuovo rapporto: i veicoli elettrici leggeri sono fondamentali per la tutela del clima

I veicoli elettrici leggeri (LEV) sono fondamentali per ridurre le emissioni di gas serra nella lotta contro i cambiamenti climatici. Lo dimostra il rapporto, “Il potenziale dei veicoli elettrici leggeri per la protezione del clima attraverso la sostituzione dei viaggi in autovetture – La Germania come caso di studio“, dell’autorevole Centro aerospaziale tedesco (DLR), presentato oggi alla conferenza The Future is Electric and Light!, tenutasi a Bruxelles e on-line, con la partecipazione di responsabili politici a livello UE, cittadino e locale e della comunità scientifica. Si tratta del primo studio completo sulla mobilità che tiene conto dei LEV nel mix dei trasporti.

Sulla base della Germania, i dati quantificano come scendere dalle nostre auto e salire su un veicolo elettrico più piccolo e leggero per la nostra mobilità quotidiana, sia che si tratti di una bicicletta elettrica, di una micro e-vettura o di uno scooter. Ciò farebbe risparmiare l’88% – di Gas serra (GHE), una riduzione enorme di 57 milioni di tonnellate di CO2 eq all’anno, o il 44% delle emissioni di gas serra prodotte dai viaggi in auto.

Per dirla semplicemente,con l’energia necessaria per andare a comprare il pane in forneria con  l’auto elettrica, si può andare allo stesso negozio 100 volte in un veicolo elettrico leggero”, ha detto commentando i risultati Jan Cappelle, professore associato, Facoltà di Ingegneria Tecnologia, KU Leuven, figura di spicco nella ricerca sullo Speed pedelec in Belgio.

Cambiare semplicemente auto a propulsione fossile con auto elettriche non sarà abbastanza, e in tempi sufficientemente brevi, per raggiungere i nostri obiettivi climatici. Questo rapporto, utilizzando dati sul comportamento del mondo reale, mostra che i LEV possono essere un modo importante e prontamente disponibile per accelerare la tecnologia di mitigazione del clima nel settore dei trasporti per molti dei viaggi della società di oggi, il che può comportare grandi riduzioni a breve termine delle emissioni “, ha affermato il Prof. Christopher Cherry, Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale, Università del Tennessee, capo del LEVER research consortium e di molti progetti rilevanti.

“Lo studio mostra che l’Unione europea sta commettendo un errore nell’ignorare i veicoli leggeri ed elettrici. La mobilità sostenibile e la mitigazione dei cambiamenti climatici non possono essere raggiunte solo elettrificando i veicoli. I veicoli devono anche diventare molto più leggeri“, ha dichiarato Annick Roetynck, manager di LEVA-EU, l’associazione europea di categoria per le imprese di veicoli elettrici leggeri (LEV) che ha commissionato la ricerca.

Le strozzature legali, in particolare nella legislazione tecnica, stanno seriamente ostacolando lo sviluppo tecnologico e di mercato dei LEV. I risultati dello studio DLR dovrebbero convincere la Commissione a dare priorità a tali questioni“, ha aggiunto.

“I veicoli che risparmiano risorse come i LEV sono un fattore importante per rendere la mobilità più rispettosa del clima, oltre ai cambiamenti nel nostro comportamento di mobilità e insieme al progresso tecnologico“, spiega Mascha Brost, capo dello studio presso il DLR.

Altrettanto importante è l’analisi dell’intero ciclo di vita di un veicolo per una strategia globale sui cambiamenti climatici. “La produzione di microcar comporta circa un terzo delle emissioni di gas serra rispetto ad un’auto elettrica di medie dimensioni“, ha affermato Simone Ehrenberger, ricercatrice presso la DLR che ha esaminato la valutazione del ciclo di vita dei LEV per lo studio.

Laura Po, Professore Associato, Dipartimento di Ingegneria “Enzo Ferrari”, UNIMORE, Modena, Italia, intervenendo all’evento ha accolto la ricerca come “uno studio esemplare condotto in Germania che dovrebbe essere riprodotto da tutti gli altri Stati membri. Ciò di cui abbiamo bisogno ora è l’accettazione dei pubblico e la regolamentazione politica”.  ha aggiunto.

Lo studio DLR modella uno scenario nel 2030 in cui si è verificato un importante trasferimento modale, dalle auto di oggi ai LEV. Per il modello, DLR ha utilizzato 9 diversi tipi di LEV, ovvero e-scooter, e-bike, e-bike + (che consente il carico), Speed pedelec, e-monopattino, e-ciclomotore, e-microcar a velocità’ di 45, 90 e 125 km / h. L’analisi è stata effettuata con veicoli disponibili sul mercato, annunciati per la vendita nel 2022 o testati in progetti pilota. Si può facilmente pensare che nel 2030 la tecnologia avrà creato anche mezzi migliori. Per il modello, DLR ha utilizzato i dati statistici dell’indagine tedesca del 2017 “Mobilität in Deutschland”. DLR ha scelto il LEV più leggero che potesse sostituire l’auto, considerando una varietà di fattori come bagagli, passeggeri, durata del viaggio ecc.  Di tutti i viaggi in auto nel sondaggio, il 97% era inferiore a 100 km, con l’80% sotto i 20 km! Il calcolo della riduzione complessiva delle emissioni di CO2eq per viaggio è stato aggregato per tutti i viaggi e scalato per un periodo di un anno per la Germania. Con questo modello, DLR ha trovato quanto segue.

  1. Il 76%, che è più di 3/4 di tutti i viaggi in auto, potrebbe essere sostituito dai viaggi in LEV;
  2. Il 50% di tutti i chilometri in auto potrebbe essere sostituito dai chilometri LEV;
  3. Ogni viaggio sostituito eviterebbe in media l’88% delle emissioni di gas serra;
  4. Tale sostituzione comporterebbe una riduzione di 57 milioni di tonnellate di CO2eq all’anno;
  5. In termini assoluti, la sostituzione farebbe risparmiare il 44% delle emissioni di gas serra;
  6. Il risparmio del 44% rappresenta poco più di 1/4 dell’obiettivo di riduzione delle emissioni del settore tedesco del trasporto su strada;
  7. Le dimensioni e la capacità della batteria del veicolo sono i fattori decisivi per le emissioni complessive di gas serra dei veicoli elettrici.

Lo studio ha rilevato che i LEV offrono anche notevoli vantaggi oltre alla riduzione delle emissioni come il miglioramento della qualità della vita urbana, richiedendo meno spazio sulla strada e quando parcheggiati, oltre ai noti benefici per la salute pedalando in un ambiente più pulito.

Data l’urgenza di agire – per il clima e per la sicurezza energetica – tali soluzioni dovrebbero essere maggiormente  esplorate, ” ha commentato Celine Cluzel, ERM Partner, Element Energy, Londra, Regno Unito.

Passare dal tradizionale sistema automobilistico all’elettrico non può ridurre le emissioni di carbonio abbastanza velocemente e non rende la mobilità più giusta: la ricerca e la politica devono concentrarsi sulla micromobilità, su altri veicoli elettrici leggeri e sul loro ruolo nella creazione di un futuro di mobilità più sostenibile ed equa, non solo in Occidente, ma anche a livello globale. Il rapporto LEV fornisce importanti spunti per questa transizione necessaria”, ha commentato Frauke Behrendt, professore associato di transizioni alla mobilità sostenibile presso il gruppo Tecnologia, innovazione e società dell’Università di Tecnologia di Eindhoven, Eindhoven, Germania.

L’eurodeputato Marian-Jean Marinescu, (gruppo dei democratici cristiani PPE) coordinatore della commissione sui trasporti del Parlamento Europeo (TRAN), direttore sostituto della Commissione per l’ambiente, la sanità pubblica e la sicurezza alimentare del Parlamento europeo (ENVI) e  della Commissione per l’industria, la ricerca e l’energia del Parlamento europeo (ITRE), e’ intervenuto esprimendosi in favore che  “La  Commissione deve lavorare per norme più armonizzate per i LEV, per contrastare le crescenti iniziative nazionali che vanno contro il mercato unico.”

Alla conferenza sono stati messi in mostra una serie dei più moderni LEV, fra cui prototipi che eternano sul mercato nei prossimi mesi, come il Microlino e la Podbike. I funzionari della Commissione e i deputati del Parlamento europeo sono stati invitati a vedere i veicoli e a fare un breve giro di prova.

Il futuro è elettrico e leggero!  è l’inizio di un’iniziativa a lungo termine da parte di LEVA-EU per incoraggiare e promuovere la ricerca scientifica sui LEV e la loro integrazione nelle politiche dell’UE come il Green Deal, Fit for 55 e il New Urban Mobility Framework.

Previous articleEnergia, Girotto (M5S): “Accelerare su FER e non bloccare Superbonus per indipendenza energetica”
Next articleOlanda, eolico offshore triplicato entro il 2030