Litio, Stellantis diventa secondo azionista di Vulcan Energy

Stellantis diventa secondo azionista dell’azienda fornitrice di litio decarbonizzato Vulcan Energy. Dopo aver stretto recentemente un accordo di fornitura di idrossido di litio in Nord America, il gruppo automobilistico, ha annunciato che investirà 50 milioni di euro (76 milioni di dollari australiani) per acquistare una quota dell’8% di Vulcan Energy Resources, diventando il suo secondo maggior azionista, e l’estensione a 10 anni dell’accordo vincolante di fornitura di litio rispettoso del clima.

La startup austro-tedesca – riporta un comunicato – è infatti una delle aziende che stanno testando un metodo di estrazione diretta del litio che utilizza meno terra e acque sotterranee, rendendolo più sostenibile rispetto alle più comuni miniere a cielo aperto e ai bacini di evaporazione della salamoia.

A novembre 2021, Vulcan e il gruppo italo-francese hanno firmato un accordo vincolante per la fornitura a Stellantis di un quantitativo compreso tra 81.000 e 99.000 tonnellate di idrossido di litio per batterie provenienti dalla Germania per cinque anni a partire dal 2026.

Vulcan emetterà circa 8,5 milioni di azioni a Stellantis a 6,622 dollari australiani per azione, pari a un premio del 32,4% rispetto al prezzo di chiusura del 23 giugno.

Previous articleGruppo Gallina, 7 milioni da Intesa per produzione da economia circolare
Next articleStellantis, la gigafactory di Termoli partirà nel 2026 con 2.000 dipendenti