Stellantis, la gigafactory di Termoli partirà nel 2026 con 2.000 dipendenti

Lo stabilimento di Termoli di Stellantis che sarà trasformato in gigafactory vedrà partire l’attività di produzione delle batterie per auto elettriche a partire dal 2026. È quanto indicano i sindacati in un comunicato unitario, spiegando che a Termoli “si prevede che il calo e poi la cessazione della attuale produzione inizierà nel 2024, con un picco di momentaneo esubero nel 2025 pari a mille occupati; dal 2026 ci sarà però la partenza della gigafactory, che arriverà a pieno regime nel 2030 con 2.000 occupati

Il processo di trasformazione, secondo quanto previsto, si articolerà attraverso alcune tappe fondamentali: a gennaio 2023 avrà luogo l’acquisizione delle aree da parte di ACC (joint venture di Stellantis-Mercedes-Total); ad ottobre inizieranno i lavori nelle aree libere dalla attuale produzione con il modulo 1 e la costruzione della power solar unit, che dovrà produrre energia rinnovabile con i pannelli solari.

Nel primo quadrimestre 2024 cesserà la produzione di cambi, mentre la discesa dei motori sarà graduale, con il Fire di cui è prevista la fine nel 2026, e i motori premium che proseguiranno ancora per qualche anno. A gennaio 2025 inizieranno i primi riassorbimenti di personale, con una fase formativa che prevede anche una disponibilità a lavorare per massimo sei mesi a Douvrin in Francia.

 

 

 

Previous articleLitio, Stellantis diventa secondo azionista di Vulcan Energy
Next articleEnergia, apre a Milano il primo store lombardo di Enel X