GSE, nuovo documento su autoconsumo collettivo e comunità energetiche

Il Gse – Gestore dei servizi energetici ha pubblicato sul proprio sito un documento di consultazione sui gruppi di autoconsumatori che agiscono collettivamente e sulle comunità energetiche, incentrandolo sul ruolo che possono avere le autorità locali e le PA. Documento consultabile qui.

In sintesi, ai sensi dell’articolo 4, comma 11 dell’allegato A alla delibera Arera n. 318/2020/R/eel, il GSE è tenuto — “previa consultazione” — a fornire alle autorità locali e alla Pubblica Amministrazione specifici servizi di assistenza territoriale in tema di configurazioni di autoconsumo collettivo e di comunità energetiche, profilati per tipologia di amministrazione. Tali servizi possono prevedere “l’implementazione di portali informativi e servizi on-line dedicati, con la messa a disposizione di guide informative e di tool di simulazione a supporto della realizzazione di nuovi progetti”.

La consultazione pubblica, oltre a questo aspetto legato alla partecipazione delle autorità locali e della PA, ha anche altri obiettivi, tra cui:

• approfondire alcuni aspetti descritti nelle “Regole tecniche per l’accesso al servizio di valorizzazione e incentivazione dell’energia elettrica condivisa” (pubblicate nel dicembre 2020), anche al fine di valutarne una possibile revisione;

• raccogliere proposte per migliorare l’efficacia delle misure introdotte, anche ai fini del recepimento della direttiva rinnovabili (2018/2011/Ue), garantendo una più ampia partecipazione dei soggetti alle iniziative e superando eventuali barriere e ostacoli che, in questa fase sperimentale, potrebbero rallentare il loro sviluppo.

Il GSE invita i soggetti interessati a far pervenire per iscritto, entro il 7 aprile 2021 e possibilmente in un formato elettronico che consenta la trascrizione del testo, le proprie osservazioni e proposte al seguente indirizzo email: consultazione.acc.cer@gse.it.

Previous articleAnalisi Enea, nel 2020 l’Italia ha accelerato su rinnovabili
Next articleEnel x e Novartis insieme per la diffusione della mobilità elettrica in Italia