Entro il 2025 l’Europa sarà autosufficiente nella produzione di batterie per le auto elettriche

Entro il 2025 le aziende europee avranno la capacità di fornire tutte le batterie agli ioni di litio necessarie per le case automobilistiche del Continente, garantendosi così l’autosufficienza in un settore chiave per il futuro della mobilità e non solo.

L’Unione Europea punta sulla sua European Battery Alliance, lanciata nel 2017, per ridurre la dipendenza da batterie e altre tecnologie importate dagli Stati Uniti o dall’Asia, perseguendo al contempo l’obiettivo del Green Deal di neutralità del carbonio entro il 2050.

“Ci aspettiamo di essere in grado di coprire tutte le esigenze industriali delle nostre case automobilistiche per quanto riguarda le batterie già entro il 2025”, ha annunciato il vice presidente della Commissione europea, Maros Sefcovic, in una conferenza stampa a cui hanno partecipato anche il commissario al Mercato interno, Thierry Breton, e il ministro dell’Economia francese, Bruno Le Maire.

A quella data ci aspettiamo che le giganti fabbriche in Europa produrranno tra i sette e gli otto milioni di batterie, quindi più di quelli che sono i piani attuali per i produttori di veicoli elettrici“, ha aggiunto Sefcovic, che già apre all’esportazione per quella data.

Le Maire ha riconosciuto tuttavia che il raggiungimento dell’obiettivo richiederà massicci programmi di formazione per fornire abbastanza lavoratori qualificati da consentire all’Europa di mettersi al passo con i produttori di batterie concorrenti.

Il nostro obiettivo è formare e riconvertire 800 mila lavoratori da qui al 2025 lungo l’intera catena del valore per i veicoli elettrici”, ha spiegato in video collegamento da Parigi. “Stiamo già investendo 20 miliardi di euro in totale in 70 progetti in 12 Stati membri.” – ha specificato Le Maire – “Per garantire l’autonomia della batteria, si lavora allo sviluppo di forniture indipendenti di materie prime chiave come litio, nichel e grafite“.

L’Europa deve investire, investire, investire. È così che starà al livello di Cina e Stati Uniti”, ha insistito il ministro francese. Entro il prossimo anno, la Commissione spera inoltre di adottare nuovi e rigorosi standard ambientali per le batterie, compreso il riciclaggio dei materiali, per contrastare le importazioni più economiche e meno sostenibili che minerebbero gli sforzi dell’Ue in tema green. Sono sicuro che le batterie in Europa saranno le più ecologiche e sostenibili, e le loro prestazioni saranno le migliori al mondo“, ha chiosato fiducioso Sefcovic.

L’alleanza, spesso indicata come “l’Airbus delle batterie”, coinvolge decine di aziende tra cui case automobilistiche e gruppi energetici. Sefcovic ha inoltre annunciato che lavorerà con la Banca europea per gli investimenti per sfruttare ulteriori fondi privati e ottenere altri 50 miliardi di euro per raggiungere gli ambiziosi obiettivi del 2025. In aprile, ha detto, la Commissione e le aziende private firmeranno un accordo per finanziare la ricerca “all’avanguardia” per un importo di circa 900 milioni di euro.

Previous articleSingapore combatte le emissioni di Co2 con i pannelli solari nel mare
Next articleEolico offshore, Biden autorizza il primo maxi impianto negli USA