Enea, primo impianto in Italia che integra il FV con il solare a concentrazione

Grazie all’alleanza tra l’industria italiana e Enea (Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile) a breve sarà inaugurato in Sicilia, a Partanna (Trapani) il primo impianto realizzato in Italia che integra solare a concentrazione con il fotovoltaico, ed è già in cantiere un altro da realizzarsi a Trapani nella Piana di Misiliscemi. Due progetti nei quali Enea – si legge in una nota – ha il ruolo di supervisore tecnico, mentre le aziende italiane SOL.IN.PAR. Srl e Stromboli Solar Srl sono i committenti. FATA Spa (del Gruppo Danieli) costruirà gli impianti.

Questi due progetti dimostrano che in Italia esiste una realtà industriale che sta investendo sulla tecnologia del solare termodinamico con iniziative concrete nonostante i vincoli burocratici e normativi.” – sottolinea Giorgio Graditi, direttore del Dipartimento Tecnologie Energetiche e Fonti Rinnovabili di Enea – “In questi due impianti Enea è stata coinvolta per svolgere diverse attività, dalla supervisione di progettazione, realizzazione e avviamento, alla verifica delle performance, fino all’integrazione dell’impianto solare a concentrazione con la tecnologia fotovoltaica”.

L’impianto di Partanna – specifica la nota – è grande come 10 campi da calcio (83 mila m2), ha una potenza installata di 4,26 MWe ed è in grado di produrre energia elettrica per oltre 1.400 famiglie (circa il 30% della popolazione del territorio comunale, con utenze domestiche da 3 kW).

Prevediamo di raggiungere una capacità di accumulo di energia termica pari a 180MWht, che equivalgono a circa 15 ore di funzionamento dell’impianto a pieno carico, anche in assenza della radiazione solare“, spiega Graditi. L’integrazione di sistemi di accumulo di energia termica rappresenta un aspetto rilevante, poiché consente di poter disaccoppiare la raccolta dell’energia solare, che dipende dal ciclo giorno-notte e dalle condizioni meteo, dalla produzione di elettricità, legata invece alla richiesta da parte degli utilizzatori.

Entro il 2021 Enea realizzerà presso il Centro Ricerche Casaccia (Roma) una piattaforma sperimentale per la caratterizzazione di componenti per la fornitura di calore industriale a media e alta temperatura, nell’ambito del programma triennale di Ricerca di Sistema Elettrico del Ministero dello Sviluppo Economico.

Nei prossimi decenni l’International Energy Agency prevede un sostanziale incremento della quota di energia prodotta da solare termodinamico, che dovrebbe coprire oltre il 10% del fabbisogno globale di energia primaria al 2050. “Puntare al miglioramento delle capacità di accumulo dell’energia termica dei sistemi – conclude Graditi – sarà, dunque, fondamentale per attirare ulteriori investimenti“.

Previous articleARERA, 25 anni a fianco dei consumatori e degli operatori
Next articleSostituzione infissi: ecco come usufruire del Superbonus 110%