12 marzo, taglio del nastro per la prima Comunità energetica in Italia

Il 12 marzo 2021 alle ore 10.00, a Magliano Alpi (Cuneo), presso il Palazzo Municipale, ci sarà il taglio del nastro per Energy City Hall, la prima comunità energetica realizzata in Italia. Cerimonia che si terrà in modalità webinar, a causa delle restrizioni dovute all’emergenza da Covid-19.

Energy City Hall si è costituita il 18 dicembre 2020 grazie alla lungimiranza del Comune di Magliano Alpi (CN) e al supporto dell’Energy Center del Politecnico di Torino e altri partner accademici e utilities locali).

Alla cerimonia di inaugurazione parteciperanno, oltre al Sindaco di Magliano Alpi Marco Bailo, e al Presidente del Comitato Tecnico Scientifico della CER Sergio Olivero, anche il Presidente della Commissione Industria Commercio Turismo del Senato della Repubblica, Gianni Pietro Girotto, l’AD di RSE S.p.A., Maurizio Delfanti, e l’AD di GSE S.p.A., Roberto Moneta.

Il Comune di Magliano Alpi ha inserito nel proprio Documento Unico di Programmazione (DUP) modelli innovativi di sviluppo territoriale basati sull’energia, con l’obiettivo di combinare i vantaggi del Superbonus con gli incentivi per le Comunità di Energia Rinnovabile.

Nel novembre 2016 – riporta una nota del comune – la Commissione europea ha presentato un pacchetto di proposte, denominato “Clean Energy for all Europeans Package” (CEP), con l’intento di contribuire a realizzare gli impegni assunti dall’UE con l’accordo di Parigi. La proposta ha portato all’adozione di otto atti legislativi, avvenuta tra il 2018 e la prima metà del 2019, con i quali l’Unione Europea ha riformato il proprio quadro per la politica energetica. Particolare rilevanza assumono le Direttive 2018/2001(che introduce le “Comunità di Energia Rinnovabile”) e 944/2019 (che definisce le “Comunità Energetiche dei Cittadini”), che sono in fase di recepimento da parte degli Stati membri.

Trattandosi di un vero e proprio cambio di paradigma con significativi vantaggi sugli utenti finali, l’evoluzione deve necessariamente avvenire per passi successivi e a fronte di scelte strategiche e di policy da parte delle autorità regolatorie e degli Stati dell’Unione Europa.

All’interno del nuovo paradigma per la gestione energetica, gli edifici (pubblici, residenziali, aziendali) rappresentano un elemento chiave: l’efficienza energetica associata a sistemi di autoproduzione di energia elettrica rende bidirezionale il flusso di energia tra l’edificio e la rete locale.

 

 

 

 

 

Previous articleConfartigianato, fruizione Superbonus 110% ritardata dalla burocrazia
Next articleSilla Industries, l’innovativa start-up italiana che sfida i colossi della mobilità elettrica