Transizione energetica: ènostra tra i partner del progetto europeo ASSET

Si è svolto lo scorso 18 Novembre a Milano il workshop “Energy transition knowhow: map your needs, track your route, empower yourself”, organizzato da ènostra – fornitore cooperativo nazionale di energia elettrica rinnovabile, sostenibile ed etica – nell’ambito del progetto europeo ASSET (A holistic and Scalable Solution for Research, Innovation and Education targeting Energy Transition). L’evento è stato organizzato in collaborazione con gli altri partner italiani del progetto (Logical Soft e l’Università Federico II di Napoli), e con il supporto del Dipartimento di Energia del Politecnico di Milano e della segreteria del Master Ridef.

L’obiettivo del progetto ASSET è duplice: da un lato la predisposizione di strumenti per condividere informazioni e contenuti educativi (piattaforma online) e la preparazione di alcuni primi corsi di formazione (MOOCs – Massive Online Open Courses), dall’altro la creazione di un network (ASSET Community) di soggetti coinvolti nei processi di transizione energetica che siano disponibili a partecipare a un modello cooperativo di formazione e condivisione delle conoscenze.

L’evento aveva pertanto come scopo quello di presentare il progetto ASSET a rappresentanti selezionati delle diverse categorie di portatori di interessi (Università, enti di ricerca, imprese, professionisti, istituzioni locali, associazioni di categoria, associazioni ambientali, associazioni di consumatori, studenti e cittadini) e di ricevere da loro indicazioni su come rendere più utili ed efficaci le attività formative del progetto.

Ottima la partecipazione e il lavoro di discussione ai due tavoli pomeridiani,
moderati da Lorenzo Pagliano, Politecnico di Milano, e Anna Maria Zaccaria, dell’Università Federico II di Napoli. Presenti tante e diverse figure del mondo dell’energia: l’Autorità per l’Energia (ARERA), l’ENEA, la Regione Lombardia, Banca Etica, rappresentanti di numerose Istituzioni Accademiche (Università degli Studi di Milano, Politecnico di Torino, Università di Trento), diverse aziende del settore energetico (Falck Renewables, EF solare Italia, Azzero CO2) e associazioni (Genitori Antismog, Adiconsum).

Tutti i partecipanti hanno sottolineato l’importanza di lavorare incrociando le competenze e senza atteggiamenti autoreferenziali, con una forte indicazione alla necessità di sviluppare la formazione a partire dall’istruzione secondaria, di aggiornare i programmi educativi di alcuni professionisti chiave (ad esempio i geometri e i manutentori di impianti) e di creare nuovi profili professionali con una forte componente interdisciplinare e capacità di comunicazione e mediazione culturale.

In conclusione Sara Capuzzo, Presidente di ènostra, ha ringraziato i partecipanti e ha ribadito con forza l’importanza di un coinvolgimento ampio dei cittadini nella transizione, sottolineando il potenziale generativo delle “comunità energetiche”.

“Un sistema che vuole favorire la transizione  – ha concluso – non può che rinascere da una vera e propria rivoluzione, da un ribaltamento della logica top-down con cui si è sviluppato il sistema di produzione centralizzato di energia elettrica da combustibile fossile.”

Per scaricare le presentazioni: link