Terna, sensori digitali per le reti elettriche della Sicilia

Terna ha annunciato che i circa 140 chilometri di linee elettriche che attraversano il territorio siciliano saranno controllate da 40 dispositivi di sensoristica IoT (Internet of Things) che consentiranno ai tecnici di monitorare il funzionamento a distanza ma anche di prevedere l’usura e ridurre i guasti improvvisi. Dispositivi progettati e sviluppati dalla stessa Terna.

Nell’ambito del piano di Digitalizzazione dei propri asset – riporta un comunicato del gestore della rete nazioanale – Terna ha completato l’installazione in Sicilia di oltre 40 dispositivi di sensoristica IoT , progettati per realizzare una vera e propria replica digitale delle proprie linee elettriche (Digital twin). Le apparecchiature installate, altamente tecnologiche, consentiranno di monitorare da remoto 143 km di elettrodotti aerei soggetti a fenomeni atmosferici di elevata severità, tra cui la forte ventosità delle aree costiere, che sempre più frequentemente interessano il territorio italiano, garantendo un ulteriore miglioramento dell’affidabilità della rete. I dati così raccolti permetteranno inoltre di sviluppare tecniche di manutenzione predittiva riducendo ulteriormente i guasti delle linee“.

Le 8 linee elettriche interessate tra le province di Catania e Palermo, sono state individuate in base ad accurate analisi del territorio e dei disservizi elettrici causati da maltempo degli ultimi anni. “Grazie all’installazione di questi sensori – spiega Terna – sarà possibile monitorare tra l’altro la variazione del tiro dei conduttori causata dall’elevata ventosità delle aree costiere, responsabile di molti disservizi elettrici, e al contempo consentire la trasmissione delle informazioni raccolte verso una piattaforma centrale, una sorta di banca dati, a supporto della gestione degli asset e della continuità del servizio elettrico“.

Le informazioni acquisite – conclude la nota – potranno, inoltre, essere messe a disposizione delle istituzioni e degli enti di ricerca al fine di monitorare in ottica predittiva fenomeni atmosferici e ambientali potenzialmente critici per una gestione ottimale del territorio. Infine, è in fase di sperimentazione l’utilizzo di particolari sensori per la rilevazione dell’inquinamento salino, un fenomeno molto diffuso nelle isole e dannoso non solo per le infrastrutture, con l’obiettivo non solo di tutelare la rete elettrica ma anche ad esempio di proteggere le coltivazioni della zona“.

Previous articleIl CTU testa il trattore portuale Terberg alimentato a idrogeno
Next articleViessmann, nel 2020 fatturato aumentato del 6%.