Il CTU testa il trattore portuale Terberg alimentato a idrogeno

Nelle scorse settimane, il CTU (Container Terminal Utrecht) ha avviato il test del trattore per terminal di Terberg – di nuova concezione e  alimentato a idrogeno – per il trasporto di container con chicchi di caffè da e verso lo stabilimento di Douwe Egberts, a circa due chilometri dal CTU. Quest’ultimo fornisce lo stoccaggio, il trasbordo e il trasporto di container marittimi.

Nell’ottobre 2020 Terberg ha iniziato a testare l’innovativa unità presso UWT, nel porto di Rotterdam. Per valutare al meglio le prestazioni, le proprietà operative e l’affidabilità, il  trattore verrà testato anche presso altri siti di clienti in diversi paesi, tra i quali appunto il CTU di Utrecht, nei Paesi Bassi.

Theo Pouw, CEO del Gruppo Theo Pouw, che include il CTU, ha dichiarato: “Siamo molto soddisfatti dei risultati ottenuti dal test di un giorno su questo trattore portuale. La guida è confortevole e il trattore è molto più silenzioso e più pulito, il che offre prospettive interessanti per il futuro, soprattutto tenendo conto dell’intento del comune di Utrecht di disporre di soli mezzi ad emissioni zero entro il 2030. I veicoli alimentati a idrogeno rappresentano senza dubbio una delle opzioni più sostenibili. Amiamo essere in prima linea insieme ai nostri clienti nell’innovazione sostenibile. Attualmente, ad esempio, stiamo lavorando su una nave, carrelli elevatori e pale alimentati a idrogeno e sulla produzione di idrogeno verde sfruttando l’energia prodotta localmente: una stazione di rifornimento di idrogeno. L’ambiente risulterà molto più pulito e il rumore circostante inferiore.”

Il progetto del trattore per terminal a idrogeno sarà ottimizzato e finalizzato, sulla base dei risultati dei test, nel 2021 e nel 2022. Terberg intende iniziare la produzione di trattori portuali alimentati a idrogeno nel 2023.

Previous articleBoston Consulting Group amplia il progetto dedicato al clima e alla sostenibilità
Next articleTerna, sensori digitali per le reti elettriche della Sicilia