Superbonus 110%, le novità con il Decreto Sostegni bis

Con il Decreto Sostegni bis annnuciato ieri dal Governo, sono in arrivo altre importanti novità legate al mondo della casa. In attesa dell’approvazione definitiva. E novità sono emerse negli ultimi giorni anche dalle bozze per il Superbonus 110%

La data ultima per accedere all’agevolazione, innanzitutto, dovrebbe slittare al 31 dicembre 2023. Lo slittamento dovrebbe riguarda tutti e non più solo, come previsto dalla Legge di Bilancio 2021, coloro che entro il 30 giugno 2022 avranno ultimato i lavori in tutto, nel caso delle unità abitative autonome, o in parte (almeno il 60%), nel caso dei condomìni.

A fronte delle critiche sollevate da più parti, in base alle quali, il Superbonus è stato finora poco adottato per via della complessità della procedura, il Decreto Sostegni bis potrebbe portare con sé anche uno snellimento della burocrazia e, in particolare, per quanto riguarda le verifiche in tema di regolarità urbanistica degli edifici.

Anche la regola che prevede il miglioramento di due classi energetiche dell’edificio a fine lavori, sinora condizione indispensabile per l’accesso all’incentivo, potrebbe essere rivista.

Tra le novità, anche l’accesso alle agevolazioni anche ai soggetti che esercitano attività d’impresa e non più solo limitatamente alle parti comuni dei condomìni prevalentemente a destinazione residenziale, dove le imprese operano.

 

Previous articleReport AIE, l’energia rinnovabile segna una crescita record nel 2020
Next articleERG e TIM, accordo di durata decennale per energia da fonti rinnovabili