E-CHARGE | 7-8 MAY 2024 - BOLOGNAFIERE
zeroEmission Medieterranean 2024
HomeFotovoltaicoSunbooster, tecnologia a base d'acqua per raffreddare i moduli FV
E-CHARGE | 7-8 MAY 2024 - BOLOGNAFIERE
zeroEmission Medieterranean 2024

Sunbooster, tecnologia a base d’acqua per raffreddare i moduli FV

Sunbooster, installatore francese di sistemi FV, ha sviluppato una tecnologia di raffreddamento dei moduli fotovoltaici a base d’acqua. La società ha dichiarato che la sua soluzione può aumentare la produzione di energia di un impianto fotovoltaico tra l’8% e il 12% all’anno.

La tecnologia consiste in una serie di tubi – con un numero di fori molto piccoli – che possono circondare un impianto fotovoltaico sul tetto o un impianto a terra. L’acqua piovana immagazzinata scorre sulla superficie dei moduli e abbassa immediatamente la temperatura. E dopo che l’acqua è stata utilizzata, può essere riciclata, filtrata e nuovamente conservata.

La società aveva inizialmente sperimentato una soluzione di vaporizzazione dell’acqua, ma ciò ha prodotto shock termici per il sistema fotovoltaico“, ha dichiarato il CEO di Sunbooster Grégory Boutteau.Inoltre, le gocce prodotte da questo sistema di raffreddamento hanno avuto un impatto negativo sull’assorbimento della luce solare.

Con il nuovo sistema, l’acqua si diffonde solo sulla superficie dei moduli e non tocca le parti in plastica, come i fogli posteriori o altri componenti. “Può essere considerato allo stesso modo della pioggia, e per questo motivo non influisce sulla garanzia dei moduli” – prosegue Boutteau – “I tubi sono resistenti ai raggi UV e forati: il loro numero e le dimensioni sono definiti dal nostro ufficio di progettazione e ingegneria in relazione ai nostri brevetti.

Il sistema è attivato da un sensore di temperatura che attiva la diffusione dell’acqua quando la temperatura ambiente supera i 25 C. “Sebbene l’acqua possa avere una certa influenza sull’assorbimento della luce dei moduli, ciò è completamente compensato dall’aumento della resa di potenza che può essere raggiunto impedendo alle temperature di superare i 30 ° C“, ha specificato Boutteau.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti alla nostra community e ricevi, ogni giorno, tutte le ultime novità del settore!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Articoli correlati