Stellantis, maxi consegna veicoli a basse emissioni per Poste Italiane

Saranno circa 13 mila (per l’esattezza 12.761) i veicoli che entro giugno Stellantis consegnerà a Poste Italiane nel quadro di un progetto di ammodernamento della flotta aziendale che prevede la fornitura da parte del gruppo di circa 17.000 mezzi a basse emissioni che renderanno “ancor più sostenibile, veloce ed efficiente il recapito della corrispondenza“.

La fornitura avviene con un accordo quadro di noleggio attraverso i partner Leaseplan e Leasys, già fornitrice di Poste Italiane. Tutti i modelli – sottolinea Stellantis – sono in linea con le politiche di sostenibilità ambientale adottate da Poste Italiane; la scelta è infatti ricaduta su veicoli allestiti con propulsori endotermici di ultima generazione: metano, motorizzazioni ibride e full electric.

I modelli dei marchi Fiat, Fiat Professional, Opel e Peugeot scelti per la flotta sono stati resi funzionali alle esigenze del servizio postale; furgoni e vetture sono stati modificati in alcune parti. Nella Panda Van, proposta nelle varianti Hybrid, Natural Power e 4×4, ad esempio, il sedile passeggero è stato sostituito con un vano borsa e una cassetta portavalori, mentre il Ducato monta particolari scaffalature per il trasporto della corrispondenza. Gli esemplari destinati alle grandi città sono alimentati a metano.

Opel Corsa-e viene fornita in allestimento Edition con accessori ad hoc per la mission di Poste Italiane, come il sistema Keyless Entry&Start per il riconoscimento a distanza del conducente. Grazie a questa tecnologia, le portiere e il portellone si sbloccano automaticamente, facilitando il lavoro degli operatori. Con una autonomia di 362 km nel rigoroso ciclo di omologazione WLTP, Opel Corsa-e consente anche la ricarica veloce dalle apposite colonnine, garantendo alla vettura 100 km di autonomia con soli 12 minuti di ricarica.

I cavi in dotazione ad ogni vettura nella fornitura di Poste Italiane prevedono la possibilità di una ricarica estesa, dalla tradizionale presa domestica da 1,8 kW alla ricarica trifase da 22 kW fino alla ricarica ultra fast a 100 kW in corrente continua. Peugeot e-Expert rappresenta un esempio del ‘Power of Choice’ della Casa del Leone, e si caratterizza per 2 livelli di autonomia, sino a 330 km nel ciclo di omologazione WLTP; due lunghezze (Standard da 4,96m e Long da 5,31m); una capacità di traino di 1000 kg e un carico utile che può arrivare a superare i 1.100 kg; un volume di carico identico a quello della versione termica.

Basato sulla piattaforma multienergia modulare EMP2 (Efficient Modular Platform), Peugeot e-Expert adotta una motorizzazione 100% elettrica con una potenza massima di 100 KW (136 CV) e una coppia massima di 260 Nm disponibile istantaneamente. Caratteristiche che determinano una reattività immediata ai comandi dell’acceleratore, ma senza emettere vibrazioni, senza rumore, senza cambi di marcia, senza odore e, ovviamente, senza emissioni di CO2.

 

Previous articleCina, cresce la produzione di energia elettrica
Next articlePalermo, quaranta nuove colonnine per la ricarica delle auto elettriche