Sorgenia, inaugurata la nuova sede in provincia di Bergamo

Sorgenia ha inaugurato una nuova sede a Grassobbio (in provincia di Bergamo) che ospiterà il personale di Sorgenia Green Solutions, la società del Gruppo specializzata in soluzioni per l’efficienza energetica ad alto contenuto tecnologico.

Nata lo scorso giugno a seguito dell’acquisizione di Universal Sun, Sorgenia Green Solutions è entrata nel mercato con l’obiettivo di favorire la transizione verso un’economia sempre più sostenibile grazie all’utilizzo di rinnovabili e digitale. Attualmente  conta su 18 professionisti, età media 33 anni, il 26% sono donne.

La società è pronta ad una nuovo piano di assunzioni e punta, infatti, ad inserire almeno 10 risorse nei prossimi mesi, 7 project manager junior e tre project manager senior, oltre a realizzare interventi di sostenibilità sul territorio e a lanciare le comunità sostenibili.

Puntiamo a chiudere il 2020 con ricavi per 4 milioni di euro.” – ha affermato Andrea Chinellato, amministratore delegato di Sorgenia Green Solutions -. “Puntiamo sul territorio, anche per le assunzioni, qui abbiamo trovato professionisti provenienti da altre realtà e che si sono formate all’Università di ingegneria di Dalmine. Abbiamo avviato da subito una cooperazione virtuosa con l’Amministrazione Comunale di Grassobbio, con l’obiettivo di dar vita a progetti all’insegna della sostenibilità ambientale ed energetica”.

Tra le prime iniziative intraprese, l’installazione di una prima colonnina di ricarica per la mobilità elettrica, completamente interoperabile, all’esterno della nuova sede della società. Il prossimo passo consiste nella realizzazione anche a Grassobbio, come già nel Comune di Turano Lodigiano, di una comunità energetica rinnovabile (REC): un sistema capace di condividere l’energia verde prodotta da cittadini e amministrazioni comunali senza gravare sulla rete nazionale, rendendo possibile la produzione diffusa attraverso un modello sostenibile.

L’amministrazione Comunale rappresenta il partner ideale con cui realizzare progetti innovativi.” – prosegue Chinellato – “Per questa ragione faremo uno studio, che regaleremo alla città, per verificare fattibilità e vantaggi che una Comunità Energetica Rinnovabile porterebbe al territorio. Crediamo che Grassobbio possa essere una dei primi Comuni a guidare la transizione verso un’economia sostenibile che renda i consumatori protagonisti consapevoli”.

Previous articleSuperbonus 110%, il governo pensa a proroga con il Recovery Fund
Next articleAdobe, accordo con Enel Green Power per decarbonizzazione delle attività