Siemens Energy costruirà due stazioni per la connessione di parchi eolici nel Mare del Nord

Il gruppo per l’energia tedesco Siemens Energy ha ottenuto un ordine per la costruzione di due stazioni di conversione per il collegamento di parchi eolici nel Mare del Nord alla rete elettrica della Germania. Dal valore complessivo di quattro miliardi di euro, il contratto è stato assegnato dall’operatore dell’infrastruttura Amprion a un consorzio formato da Siemens Energy e dalla società spagnola Dragados Offshore. L’azienda tedesca otterrà circa la metà del totale.

“È il più grande ordine di connessione alla rete in mare che la società abbia ricevuto fino ad oggi”, ha comunicato Siemens Energy. Con le stazioni di conversione, sarà possibile trasportare a terra fino a quattro gigawatt di elettricità verde da diversi parchi eolici nelle acque tedesche del Mare del Nord. Tale quantità potrebbe coprire il fabbisogno di energia elettrica di circa quattro milioni di persone. Le stazioni di conversione mutano l’elettricità generata nei parchi eolici in corrente continua in mare e di nuovo in corrente alternata a terra. Ciò consente una trasmissione con perdite di gran lunga inferiori. Siemens Energy fornirà due piattaforme di conversione in mare e due stazioni associate a terra.

I sistemi di connessione trasmetteranno l’elettricità a Wehrendorf in Bassa Sassonia e Westerkappeln in Nordreno-Vestfalia, rispettivamente dal 2029 e dal 2030. Dragados Offshore sarà responsabile della costruzione e dell’installazione delle piattaforme in mare, che verranno costruite a Cadice.

Previous articleJinkoSolar, presentati i nuovi moduli FV della gamma Tiger Neo
Next articleCento milioni di euro per il fotovoltaico in Friuli Venezia Giulia