Le celle a combustibile di SFC Energy alimentano stazione di campo al Polo nord

La IK Foundation – un’organizzazione non governativa indipendente che svolge attività sul campo, spedizioni e progetti di ricerca – ha sviluppato stazioni di campo autonome scientifiche eco-progettate. Queste sorgono a Prins Karls Forland, un’isola artica remota e disabitata, situata in Norvegia, nell’arcipelago delle isole Svalbard.

Lo scopo era quello di costruire una Field Station riducendo al minimo l’impatto ambientale nel punto in cui era stata posizionata senza lasciare impronte dopo la sua rimozione. Una delle maggiori sfide – riporta il comunicato della IK Foundation – ha riguardato la fornitura di energia per la posizione estremamente remota nell’Oceano Artico. Una quantità limitata di energia è stata generata da 2 pannelli solari da 20 Watt, ma questo era solo un backup. La soluzione è stata individuata nelle celle a combustibile EFOY PRO sviluppate dalla tedesca SFC Energy. Nello specifico, parliamo di un generatore a celle di combustibile pensato per la ricarica in automatico delle batterie del veicolo (EFOY è acronimo di Energy FOr You).

La soluzione cercata dalla fondazione doveva sopravvivere in modo affidabile alle basse temperature per sopravvivere all’inverno artico. In tale ottica, EFOY Pro monitora continuamente lo stato di carica della batteria e la ricarica automaticamente, in modo che l’applicazione sia costantemente fornita di energia elettrica. Con qualsiasi tempo, in ogni stagione.

 

Previous articleBASF, in Germania e Finlandia nuovi impianti per batterie veicoli elettrici
Next articleE.ON e Volkswagen, la colonnina di ricarica è ottimizzata con batteria di accumulo