BASF, in Germania e Finlandia nuovi impianti per batterie veicoli elettrici

BASF ha annunciato l’apertura di un nuovo sito di produzione di materiali per batterie a Schwarzheide (Germania), come parte di un piano di investimenti  in più fasi per supportare la filiera dei veicoli elettrici in Europa.

L’impianto produrrà materiali catodici attivi (CAMCathode Active Materials) con una capacità in grado di contribuire alla fornitura annuale di circa 400.000 veicoli completamente elettrici con materiali per batterie BASF. Lo stabilimento di Schwarzheide utilizzerà i precursori (PCAM) provenienti dallo stabilimento BASF di Harjavalta (Finlandia) recentemente annunciato. L’avvio di entrambi gli impianti è previsto per il 2022.

Gli stabilimenti di Finlandia e Germania – ha affermato nella comunicazione diffusa Peter Schuhmacher, Presidente della divisione catalizzatori di BASF – offriranno ai nostri clienti un accesso ai materiali attivi catodici ad alto tenore di nichel fatti su misura, vicino ai loro impianti di produzione europei”.

Il sito di Schwarzheide utilizza una centrale elettrica a turbina a gas e vapore ad alta efficienza energetica, che opera secondo il principio della generazione combinata di calore ed energia.

Grazie a questi investimenti in Finlandia e Germania, BASF sarà il primo fornitore di CAM con concrete capacità produttive negli attuali tre mercati principali, ovvero Asia, Stati Uniti ed Europa.

 

Previous articleUtility, dalle prime 100 il 6,5% del Pil italiano nel 2018
Next articleLe celle a combustibile di SFC Energy alimentano stazione di campo al Polo nord