Gse, il 15 aprile seminario online su incentivi per l’efficienza energetica

Prosegue la formazione a distanza del Gestore dei servizi energetici (Gse), rivolta ai funzionari pubblici e ai tecnici del settore, sulle modalità di accesso ai meccanismi incentivanti per l’efficienza energetica e l’autoconsumo fotovoltaico negli edifici. Il tema è stato al centro del webinar tenutosi  il 9 aprile, promosso e organizzato dal Gse in collaborazione con la Regione Lombardia, l’Anci e le Consulte regionali degli ordini professionali di Ingegneri, Architetti e Geometri. L’evento ha richiamato oltre 700 iscritti tra energy manager, funzionari pubblici e liberi professionisti, e in considerazione dell’interesse suscitato sarà replicato il 15 aprile. Lo comunica una nota del Gse.

“Sono riconoscente agli oltre 700 professionisti che oggi hanno partecipato alla giornata di formazione a distanza promossa dal Gse con la Regione Lombardia, una tra le più virtuose per politiche di sviluppo sostenibile del nostro Paese. Questa importante partecipazione racconta di una Comunità determinata nella riqualificazione del proprio territorio, dal forte attaccamento al lavoro e dalla grande professionalità, nonostante le criticità del momento“, ha sottolineato Roberto Moneta, amministratore delegato del Gse.

Attraverso la formazione e i webinar – riporta la nota – il Gse intende mettere la Pubblica amministrazione al centro di uno sviluppo economico, che sappia coniugare sostenibilità ambientale e inclusione sociale.

Nel corso del webinar, i funzionari del Gse, attraverso la presentazione di buone pratiche, hanno fornito informazioni sui tanti strumenti messi a disposizione del Gestore verso la Pubblica amministrazione. Oltre alle modalità di accesso ai meccanismi incentivanti e alle tipologie di interventi ammessi, sono stati proposti approfondimenti sulla gestione del patrimonio pubblico, il supporto individuale ai Comuni, l’autoproduzione e il ritiro dell’energia elettrica prodotta.

Previous articleEnergia, nasce l’Innovation Hub di Terna e del Politecnico di Bari
Next articleCamion elettrici, crescita entro il 2030 ma servono infrastrutture