Green mobility, nasce hub di Italdesign per combattere emissioni inquinanti

Nascerà nell’area di Vadò, tra Torino e Moncalieri, il nuovo centro d’eccellenza di Italdesign, la società di design e ingegneria che dal 2010 è parte del gruppo Volkswagen. Il progetto prevede ventiquattro milioni di euro e 120 assunzioni che si aggiungeranno ai già 1.000 dipendenti.

Quattordicimila metri quadrati dedicati alla costruzione di prototipi basilari per lo sviluppo dei modelli stradali, esteso alla complessa filiera di tutta la logistica dei componenti forniti dai clienti.

La struttura ingloba anche un laboratorio che si occuperà di ricerca sulle emissioni inquinanti: il Powertrain Emission Lab ( investimento di 10 milioni), gestito con il colosso tedesco dell’high tech Fev. In quello che può essere considerato come un anno svolta per quanto concerne il clima, da una delle realtà più importanti dell’industria automobilistica arriva la conferma che i  cicli di verifica che riguardano i gas nocivi rappresentano una delle fasi più delicate ed onerose della progettazione di una vettura.

Nel laboratorio gli esperimenti sono già attivi 24 ore su 24, per sei giorni alla settimana; attualmente è l’unico centro omologato in Italia per effettuare i test — in strada e al banco — di motori con qualsiasi alimentazione: benzina, diesel, ibridi, elettrici e idrogeno.

Previous articleNella Val di Pejo la prima ski area libera dalla plastica
Next articleRinnovabili: in Italia nel 2019 +49% di installazioni, con il solare a fare da traino