SMART GLASS FORUM 2024 | 8 MAY 2024 - BOLOGNAFIERE
E-CHARGE | 7-8 MAY 2024 - BOLOGNAFIERE
zeroEmission Medieterranean 2024
HomeEolico offshoreGoletta Verde è in Sardegna: il futuro passa dall'eolico offshore
zeroEmission Medieterranean 2024
E-CHARGE | 7-8 MAY 2024 - BOLOGNAFIERE
SMART GLASS FORUM 2024 | 8 MAY 2024 - BOLOGNAFIERE

Goletta Verde è in Sardegna: il futuro passa dall’eolico offshore

Goletta Verde con la campagna estiva di Legambiente che monitora lo stato di salute dei mari e delle coste italiane è approdata nel nord Sardegna, a Porto Torres, per lanciare un messaggio sulle energie rinnovabili: “Il futuro energetico della Sardegna passa per l’eolico offshore”.

Bisogna avere il coraggio di andare in questa direzione e, perché la transizione ecologica sia una vera occasione di sviluppo per l’Isola, deve essere governata“, sostengono gli ambientalisti.

L’arrivo di Goletta Verde – riporta un lancio dell’Ansa – è stata l’occasione per analizzare il contesto energetico della Sardegna, discusso nella conferenza “Il Vento del futuro. Tra innovazione, paesaggi energetici, territori e decarbonizzazione”, che si è svolta in porto alla presenza, fra gli altri, di Annalisa Colombu, presidente di Legambiente Sardegna, Marco Crestani, portavoce di Goletta Verde, Massimo Mulas, sindaco di Porto Torres, Antonio Sassu, assessore all’Ambiente del Comune di Sassari.

Dal dibattito è emerso che il potenziale per la Sardegna è enorme e sono già disponibili i progetti per far raggiungere all’Isola gli obiettivi fissati al 2030. Basti pensare che sono stati presentati 177 progetti per l’energia rinnovabile, attualmente in attesa di valutazione statale, di cui almeno 20 per l’eolico offshore. A questi si aggiungono le 36 richieste di connessione a Terna per 23,73 GW di possibile potenza installabile. Dando uno sguardo al solo settore elettrico, secondo Terna, nel 2021 in Sardegna sono stati prodotti 12,51 TWh netti di energia, di cui il 71% da fonti fossili, che hanno immesso in atmosfera 5,7 milioni di tonnellate di CO2.

Invece di puntare ancora sulla metanizzazione e sui rigassificatori, la Sardegna – chiarisce Annalisa Columbudovrebbe cogliere l’occasione per portare innovazione e costruire un sistema energetico basato sulle rinnovabili e sull’efficienza energetica. I progetti ci sono, le imprese sono pronte: serve che il sistema istituzionale si prenda la responsabilità di scegliere i migliori progetti e governare, insieme ai territori interessati, il processo di realizzazione degli impianti perché siano massime le ricadute sia in termini ambientali che di sviluppo locale”.

Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti alla nostra community e ricevi, ogni giorno, tutte le ultime novità del settore!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Articoli correlati