Eolico offshore, accordo tra Ørsted e BASF per acquisto di energia rinnovabile

Con un comunicato congiunto, Ørsted, colosso danese del settore eolico, e BASF hanno annunciato la stipula di un accordo di acquisto di energia elettrica aziendale a prezzo fisso per 25 anni. Come parte dell’accordo, BASF acquisterà la produzione di 186 megawatt dal parco eolico offshore Borkum Riffgrund 3 di Ørsted in realizzazione nel Mare del Nord tedesco.

Previsto per avere una capacità totale di 900 megawatt e per avviare le operazioni commerciali nel 2025, il parco ha recentemente ottenuto la necessaria approvazione di pianificazione da parte dell’Agenzia Federale Marittima e Idrografica tedesca.

L’accordo segna il primo passo per le due società per investire nel futuro sostenendo la riduzione delle emissioni nell’industria chimica e consentirà di aiuterà a coprire il fabbisogno di elettricità delle tecnologie a basse emissioni per BASF, promuovendo il suo obiettivo di essere carbon neutral entro il 2050.

Con una durata di 25 anni, l’accordo firmato da Ørsted e BASF è il più lungo per l’eolico offshore mai annunciato. “Questo accordo di fornitura con Ørsted è un altro passo importante per assicurare ulteriore energia rinnovabile a BASF. BASF vuole ridurre le sue emissioni di CO2 del 25% entro il 2030 rispetto al 2018. Per raggiungere questo ambizioso obiettivo, dovremo sostituire grandi quantità di energia fossile con energia rinnovabile nei prossimi anni. Ørsted può fornire le quantità aggiuntive necessarie attraverso la costruzione di nuovi parchi eolici per supportarci nella nostra trasformazione energetica”, ha dichiarato Martin Brudermüller, Presidente del Consiglio di Amministrazione di BASF SE.

Nella lotta comune contro il cambiamento climatico, sono i partner come BASF che faranno la differenza. Il settore chimico ha un percorso impegnativo verso la decarbonizzazione, ma darà anche uno dei maggiori contributi“, ha  affermato Mads Nipper, CEO di Ørsted.

 

Previous articleCop26: approvato il testo sul clima, ma l’accordo è “annacquato”
Next articleSiemens collega alla rete il primo progetto eolico offshore di New York