Energy manager, nomine ancora in crescita

Aumentano i professionisti dell’efficienza energetica. Secondo il Rapporto Fire 2019 sugli energy manager in Italia – presentato nei giorni scorsi al ministero dello Sviluppo Economico –  continua infatti il trend di crescita degli energy manager nominati dai soggetti obbligati, che si aggira intorno all’8% in cinque anni.

La crescita degli energy manager è un fatto positivo – ha dichiarato all’agenzia Adnkronos Dario Di Santo, direttore di Fire, Federazione Italiana per l’uso Razionale dell’Energia – in quanto testimonia una maggiore attenzione al tema energetico-ambientale da parte delle imprese, che possono migliorare la propria competitività attraverso un uso più efficiente delle risorse e conseguire altri benefici su aspetti quali il valore degli asset, la produttività, la sicurezza e il comfort, ecc…. La crescita degli energy manager inseriti nell’ambito di un sistema di gestione dell’energia e degli esperti in gestione dell’energia (Ege), sia come nominati che come collaboratori, rafforzano la positività del quadro. Confidiamo che nel tempo possa crescere il numero di energy manager nominati nella pubblica amministrazione“.

Complessivamente, nel 2018 le nomine sono state 2.353. Di queste 1.589 sono relative ad energy manager nominati da soggetti obbligati e 764 da soggetti non obbligati. Capofila tra i settori è sempre il terziario (con 483 nominati), seguito a ruota dall’industria (432 nomine), ultima la Pubblica Amministrazione che registra addirittura una diminuzione rispetto al 2017: meno della metà delle Città Metropolitane ha inviato la nomina, i capoluoghi di Provincia che hanno nominato un energy manager sono invece 31 su 116. I Comuni non capoluogo presenti sono solo 58. Il tasso di nomine relative alle Regioni è pari al 35%, mentre va peggio per le Province con un basso 20%.

Il Rapporto evidenzia che dei 1.613 energy manager interni all’azienda (sia obbligati che volontari), 296 hanno conseguito la certificazione in Esperto in Gestione dell’Energia, mentre per quanto riguarda le 740 nomine in qualità di consulente esterno ne risultano 525. Da questi dati emerge dunque come gli energy manager interni certificati siano il 18% del totale, di contro i consulenti esterni e certificati sono il 71%.

Nelle medie e grandi organizzazioni l’energy manager può essere il responsabile del sistema di gestione dell’energia aziendale, come definito dalla norma internazionale ISO 50001 aggiornata nel 2018. I soggetti che hanno nominato un energy manager, siano essi obbligati o no, e che al contempo sono in possesso della certificazione ISO 50001 per il loro sistema di gestione dell’energia, risultano essere 250, quasi il 24% in più rispetto allo scorso anno.Gli incrementi rispetto al 2017 si sono verificati in tutti i settori, con il settore civile in particolare rilievo, che ha visto aumentare i soggetti nominanti certificati di più del 50%.
Previous articleITALIA SOLARE a fianco dei NO TRIV Sicilia
Next articleRicostruito il centro PV-TEC del Fraunhofer ISE: pronte nuove sfide per l’efficienza delle celle solari