BayWa r.e. vende parco eolico svedese da 62 MW a ERG

La multinazionale BayWa r.e., attiva nel settore dell’energia rinnovabile, ha annunciato il successo della vendita del proprio parco eolico svedese da 62MW di Furuby a ERG, uno dei principali gruppi nel settore energetico e operatore di parchi eolici in Europa.

Situato nel sud della Svezia, il parco eolico di Furuby sarà composto da 10 turbine Siemens Gamesa 5.X con un’altezza di 220 metri. Si tratta – riporta un comunicato – del terzo accordo che BayWa r.e. stipula con Siemens Gamesa in Svezia. L’intesa include contestualmente un service agreement per 25 anni con l’importante produttore di turbine.

Il progetto, in procinto di partire entro il prossimo mese, è stato sviluppato da BayWa r.e., che si occuperà anche della realizzazione e della gestione degli asset una volta che il parco sarà operativo.

Siamo lieti di aver finalizzato la vendita del parco eolico di Furuby al gruppo ERG, una società che, come noi, ha al cuore del proprio business la produzione energetica da fonti rinnovabili e sostenibili. Siamo impazienti di sviluppare questo nuovo rapporto con ERG e di lavorare insieme per guidare la transizione energetica in Europa”, ha dichiarato Håkan Wallin, CEO di BayWa r.e. Nordic AB.

Questo successo per BayWa r.e. mette in luce anche le crescenti opportunità che il mercato eolico svedese – destinazione chiave per le energie rinnovabili – offre agli sviluppatori e agli investitori”, ha aggiunto Lorenzo Palombi, direttore dei progetti eolici EMEA di BayWa r.e.

BayWa r.e. prevede di completare la messa in servizio del parco eolico di Furuby a fine 2022. L’impianto avrà una produzione annuale di 210 GWh. Questo equivale al consumo annuale di oltre 27 mila famiglie medie in Svezia, che comunemente utilizzano l’elettricità per riscaldare le proprie abitazioni.

La vendita del parco eolico di Furuby segna la seconda grande transazione di BayWa r.e. nella parte meridionale della Svezia, dopo la vendita del suo parco eolico da 94,6 MW Lyngsåsa a SUSI Partners nell’agosto 2019.

 

Previous articleQ Cells investe in R&D per lo sviluppo di celle e moduli FV di tipo N
Next articleVercar, moto elettriche da competizione in mostra a ZeroEmission 2021