Unione Europea, solo auto elettriche dal 2030

L’Europa è pronta ad imporre le auto elettriche, mettendo al bando quelle termiche dal primo gennaio 2030. Da quel giorno potranno essere vendute e prodotte solo auto elettriche e ibride plug-in. Già dal 2025 scatterebbe poi una stretta sulle auto a benzina e diesel, grazie a un inasprimento della legislazione sull’inquinamento atmosferico.

La notizia è stata diffusa dall’agenzia Reuters che ha raccolto indiscrezioni in base alle quali la Commissione potrebbe formalizzare la proposta in giugno quando è previsto un aggiornamento del regolamento sulle emissioni approvato nel 2019.

Le nuove auto a motore termico dovranno emettere al massimo 30 mg/km di protossido di azoto (oggi il limite è 60 mg per la benzina e 80 mg per il diesel). I limiti per il monossido di carbonio scenderanno da 1.000 mg a 500 mg/km per le auto a benzina e da 300 mg a 100 mg/km per le auto diesel. Per quanto riguarda invece le automobili ibride potranno essere vendute entro il 2035, ma successivamente dovranno anch’esse essere sostituite dall’elettrica.

A spingere perchè l’Europa imponga l’acquisto di auto elettriche – riporta la Reuters – sono nove Paesi guidati da Danimarca e Paesi Bassi. Il “fronte dei nove” (che comprende anche Austria, Belgio, Grecia, Irlanda, Lituania, Lussemburgo e Malta) ha scritto alla Commissione chiedendo di fissare una data precisa valida per tutti i 27 membri dell’Unione. Per il momento, infatti, ognuno procede in ordine sparso. Alcuni hanno autonomamente fissato una data, ognuna diversa, altri come l’Italia non l’hanno acora fatto. Ecco il quadro delle scadenze nei Paesi che ne hanno già fissata una.

Secondo le valutazioni della Commissione Ue, le auto e i furgoni (“veicoli commerciali leggeri”) sono responsabili rispettivamente di circa il 12% e il 2,5% delle emissioni totali dell’UE di anidride carbonica (CO2), il principale gas a effetto serra. Per far diventare l’Europa “climaticamente neutra” entro il 2050, Bruxelles intende ridurre le emissioni globali di gas serra del 55% già entro il 2030, cominciando la stretta fra appena quattro anni. Nella fase di transizione sono previsti anche incentivi alle case auto che inseriranno in gamma, vendendoli, veicoli a basso impatto ambientale. Lo prevede già il regolamento sui limiti alle emissioni scattato il 1° gennaio dello scorso anno. Continuerà anche il sistema delle sanzioni per chi li sforerà, inasprendolo via via che si avvicinerà la data fatidica del 2030, quando dovranno essere messe sul mercato solo auto elettriche o ibride plug-in.

 

Previous articleSuperbonus 110%, vademecum di Enea per calcolo asseverazione
Next articleEnel, nel 2020 l’utile netto ordinario cresce a 5,1 miliardi (+9%)