Terna, cresce il consumo elettrico grazie all’industria

Terna ha registrato consumi in aumento del 3,8% su base annua e dello 0,3% su base mensile lo scorso mese di novembre. Il fabbisogno nazionale – riporta una nota – è salito a 26,4 miliardi di Kwh, con una aumento della richiesta di energia del 5,6% da inizio anno rispetto all’analogo dato del 2020.

Un risultato raggiunto, secondo il Gestore della rete elettrica nazionale, grazie anche alla performance fortemente positiva dell’industria“, con un incremento del 2,9% dell’indice Imcei, trainato in particolare dai settori della siderurgia, della meccanica e degli alimentari.

Un incremento complessivo a condizioni quasi pari, dato che il mese di novembre ha avuto 21 giorni lavorativi come quello di ottobre, mentre la temperatura media mensile è stata superiore di circa 0,3 gradi centigradi rispetto all’analogo dato del 2020. In questo modo la domanda elettrica, destagionalizzata e corretta dagli effetti di calendario e temperatura, risulta in crescita del 3,5%.

A livello territoriale, la variazione tendenziale di novembre è stata ovunque positiva: +3,3% al Nord, +4,5% al Centro e +4,4% al Sud. Nel mese di novembre, la domanda di energia elettrica in Italia è stata soddisfatta per circa il 93% con produzione nazionale e per la quota restante (7%) dal saldo dell’energia scambiata con l’estero.

Previous articleHonda India, la scelta dell’eolico per alimentare le proprie fabbriche
Next articleMobilità elettrica: via libera dall’Agcm alla joint venture Enel X-Volkswagen Finance Luxembourg