Terna, autorizzato un nuovo intervento per la rete elettrica di roma

Procede il piano di Terna per il riassetto della rete ad alta e altissima tensione dell’area metropolitana di Roma. E’ stato autorizzato dal ministero dell’Ambiente e della Sicurezza energetica l’intervento che prevede un nuovo raccordo in cavo interrato che coinvolgerà i Municipi XI e XII. Per l’opera, la società guidata da Stefano Donnarumma ha previsto un investimento di oltre 2 milioni di euro.

Il collegamento, spiega la nota, percorrerà la viabilità locale esistente e, partendo dalla Stazione Elettrica Magliana RT, sarà congiunto alla linea a 150 kV ‘Magliana-Ponte Galeria’. Il breve tratto di linea interrata lungo poco più di 500 metri, unitamente al rifacimento della Stazione Elettrica, consentirà la demolizione parziale di due linee aeree esistenti – ‘Magliana-Palidoro’ e ‘Aurelia-Magliana’ – per un totale di circa 15 km e 65 sostegni che attraversano zone a elevata densita’ abitativa.

In particolare, le demolizioni interesseranno oltre 2 km di elettrodotto ricadenti in due aree protette, le Riserve Regionali Naturali ‘Tenuta dei Massimi’ e ‘Valle dei Casali’.

L’intervento rientra nel più ampio piano di riassetto della rete elettrica dell’area metropolitana della Capitale, oggetto di uno specifico Protocollo d’Intesa stipulato con il Comune di Roma. L‘accordo prevede la razionalizzazione della rete ad alta e altissima tensione della città, prediligendo la realizzazione di linee in cavo interrato per ridurre l’impatto sull’ambiente e sul paesaggio urbano. La firma del decreto autorizzativo da parte del Ministero arriva a seguito di un importante lavoro di collaborazione e dialogo tra Terna e l’amministrazione comunale.

Proprio nelle scorse settimane, la società che gestisce la rete elettrica di Roma ha incontrato i cittadini interessati dal passaggio delle attuali linee aeree per presentare il piano delle attività, confermando così l’attenzione alle esigenze dei territori.

Previous articleEnel X, inaugurato store a Torino
Next articleImpegno Toyota: in Europa carbon neutral entro il 2040