Terna, a stretto giro il closing dell’acquisizione del 90% di Brugg Kabel

Poco prima della pausa per le ultime festività natalizie, Terna aveva annunciato la sottoscrizione di un accordo per l’acquisizione del 90% di Brugg Kabel AG, uno dei principali operatori europei nel settore dei cavi terrestri. Attivo nella progettazione, sviluppo, realizzazione, installazione e manutenzione di cavi elettrici di ogni tensione (qui la nostra news).

Il closing è avvenuto nei giorni scorsi, rispettando la previsione che indicava il primo trimestre del nuovo anno. Nelle prossime settimane, il gestore della rete di trasmissione italiana – secondo un’indiscrezione de Il Sole 24 Ore – dovrebbe versare alla società svizzera un corrispettivo pari a circa 13 milioni di euro, vale a dire il valore aziendale per la quota azionaria acquisita. Cifra che a permesso a Terna  di fronteggiare l’agguerrita concorrenza di operatori dell’Estremo Oriente, assai interessati al mercato dei cavi terrestri.

Terna, ricorda sempre Il Sole 24 Ore, ha “vinto” la partita convincendo gli storici proprietari del ramo d’azienda riguardo alla continuità del sito produttivo svizzero, oltre alla garanzia di una prospettiva di lungo termine alla divisione che ha il suo baricentro in terra elvetica ma clienti sparsi in tutto il mondo.

 

 

 

Previous articleEnergia rinnovabile: con Italia e Croazia nasce progetto ‘Coastenergy’
Next articleIl progetto “Desarc-Maresanus” e la rimozione di CO2 dall’atmosfera