Superbonus, accordo Sorgenia Green Solutions e Intesa Sanpaolo

Sorgenia Green Solutions ha comunicato la sigla di una partnership con Intesa Sanpaolo per massimizzare le opportunità introdotte dal Superbonus 110% dedicato alla riqualificazione energetica.

L’accordo – riporta una nota – rende possibile la cessione del credito d’imposta a Intesa Sanpaolo, con la sicurezza di essere accompagnati dalla ESCo durante tutte le fasi del processo. Sorgenia Green Solutions gestirà l’intero pacchetto di lavori – dalla diagnosi energetica all’installazione delle soluzioni più idonee – e seguirà tutto il processo relativo al finanziamento“.

Il Superbonus 110% “rappresenta una grande opportunità per i nostri clienti: vogliamo accompagnarli in questo percorso virtuoso, rendendolo il più semplice possibile. Per noi si tratta di un mercato importante per il quale ci prefiggiamo l’obiettivo di una crescita a doppia cifra”, afferma Andrea Chinellato, Ceo di Sorgenia Green Solutions.

Mauro Micillo, a capo della divisione Imi Corporate & Investment Banking di Intesa Sanpaolo, sottolinea che questo accordo “permetterà di supportare l’economia reale, facilitando investimenti sostenibili e virtuosi. Si tratta di un’operazione importante con un primario operatore del settore, che pone particolare attenzione alle tematiche della transizione energetica in ottica Esg, in linea con le linee guida strategiche del Gruppo Intesa Sanpaolo per uno sviluppo del Paese sostenibile”.

Secondo l’attuale Legge di Bilancio per il 2021, il Superbonus 110% ha validità fino al 30 giugno 2022. Il governo sta discutendo un prolungamento dell’agevolazione fino a fine 2023. Il Superbonus innalza al 110% la detrazione delle spese sostenute per la casa e può essere richiesto per interventi antisismici, per l’efficientamento energetico, l’installazione negli edifici di impianti fotovoltaici, di colonnine di ricarica e, in generale, di infrastrutture per veicoli elettrici. Particolare attenzione è rivolta agli immobili (tranne le nuove costruzioni) oggetto di interventi finalizzati al miglioramento della prestazione termica o alla riduzione del rischio sismico. Una opportunità che consente di aumentare il valore del proprio immobile sfruttando il contributo statale pari al 110% della spesa.

Previous articleEngie, energia rinnovabile per alimentare le sedi di Amazon in Italia
Next articleIl barometro FV di Elmec Solar indica le province più “solari” d’Italia