Engie, energia rinnovabile per alimentare le sedi di Amazon in Italia

Due nuovi impianti agro-fotovoltaici a Mazara del Vallo e Paternò con una capacità produttiva di 104MW. È questo il primo frutto di un accordo siglato da Engie, gruppo energetico mondiale, con Amazon che permetterà di produrre energia rinnovabile per alimentare le sedi del colossso delle-commerce in Italia.

L’obiettivo di Amazon è gestire il 100% del business con energia pulita entro il 2025. Il progetto permetterà inoltre di risparmiare all’ambiente ogni anno oltre 62.000 ton di CO2, l’equivalente raggiungibile piantumando oltre 3,1 milioni di alberi. L’energia prodotta verrà destinata per l’80% ad Amazon e per il 20% verrà immessa sul mercato contribuendo al fabbisogno energetico di circa 20.000 utenze domestiche.

Negli ultimi anni abbiamo investito molto in energie verdi e oggi abbiamo l’obiettivo di aumentare la capacità dei nostri impianti rinnovabili in Italia da circa 500MW attuali fino a oltre 1 GW, entro i prossimi anni.“, ha dichiarato Damien Térouanne, Ceo di Engie Italia. “Vogliamo continuare a sviluppare progetti greenfield sul territorio, sia in ambito eolico sia agro-fotovoltaico, investendo in asset già operativi e in progetti autorizzati, abbinandoli a sistemi di stoccaggio dell’energia che produciamo. Engie è tra i protagonisti della transizione energetica in Italia, e l’innovativo progetto con Amazon in ambito agro-fotovoltaico ne è la conferma. Guardiamo con aspettative positive al nuovo Ministero della Transizione Ecologica per un approccio più collaborativo da parte di tutti gli attori e auspichiamo una maggiore chiarezza e semplificazione del quadro normativo di riferimento. Ciò permetterà una forte accelerazione per lo sviluppo delle FER in Italia, in linea con gli obiettivi del Piano nazionale energia e clima“.

I due progetti agro-fotovoltaici si aggiungono al portafoglio di impianti di ENGIE in Italia che conta un totale di 23 parchi di energia rinnovabile in Sicilia (per un totale di 142MW con i due nuovi impianti), Molise, Umbria, Lombardia, Basilicata, Puglia, Calabria e Campania.

 

Previous articleNIO e Sinopec, lanciato sistema che cambia la batteria elettrica in 5 minuti
Next articleSuperbonus, accordo Sorgenia Green Solutions e Intesa Sanpaolo