zeroEmission Medieterranean 2024
E-CHARGE | 7-8 MAY 2024 - BOLOGNAFIERE
SMART GLASS FORUM 2024 | 8 MAY 2024 - BOLOGNAFIERE
HomeIniziative specialiSorgenia aderisce al protocollo di legalità sottoscritto tra il Ministero dell'Interno e...
SMART GLASS FORUM 2024 | 8 MAY 2024 - BOLOGNAFIERE
zeroEmission Medieterranean 2024
E-CHARGE | 7-8 MAY 2024 - BOLOGNAFIERE

Sorgenia aderisce al protocollo di legalità sottoscritto tra il Ministero dell’Interno e Confapi

Le aziende del gruppo Sorgenia che operano nel settore delle bioenergie hanno aderito al protocollo di legalità sottoscritto tra il Ministero dell’Interno e la Confederazione italiana della piccola industria privata (Confapi). Protagoniste della giornata sono state Sorgenia Biomasse, che si occupa dell’approvvigionamento e della tracciabilità delle biomasse utilizzate dagli impianti del gruppo, e Sorgenia Bioenergie, uno dei principali produttori italiani di energia rinnovabile da biomasse, con le tre centrali di Finale Emilia (Modena), Bando D’Argenta (Ferrara) e Mercure (Cosenza).

L’adesione al protocollo, che definisce un sistema di controlli e verifiche su base volontaria, rappresenta per il gruppo un’ulteriore garanzia contro ogni eventuale ingerenza della criminalità organizzata per la gestione delle risorse sui territori.

Il nostro impegno per garantire legalità, trasparenza e sicurezza è ulteriormente sancito dalla sottoscrizione di questo protocollo che estenderemo a tutti i nostri fornitori per creare ancor più valore nel mondo delle biomasse, fonte che annovera tra i propri punti di forza la continuità della produzione, la manutenzione del patrimonio forestale e la valorizzazione degli scarti agricoli in una logica di economia circolare”, ha detto Carlo Perri, Ad di Sorgenia Biomasse.

Alberto Vaccarella, Ad di Sorgenia Bioenergie, ha aggiunto: “La firma di questo protocollo è per noi un’ulteriore forma di salvaguardia dei territori in cui operiamo attraverso le nostre centrali. Il circolo virtuoso della legalità consente benefici economici e opportunità di crescita ma soprattutto mette in sicurezza una filiera articolata e, con lei, le comunità locali che sono il vero valore di ogni territorio“.

Francesco Napoli, Vicepresidente di Confapi, nominato componente della cabina di regia istituita presso il Ministero dell’Interno così come previsto dal Protocollo è intervenuto sottolineando: “Il nuovo Protocollo che porta la firma del Presidente nazionale della Confapi Cristian Camisa e del Ministro dell’Interno Matteo Piantedosi va nella direzione auspicata ovvero far sì che le operazioni di tutela economica e sociale si configurino come prassi per il bene della comunità in totale contrasto alle ingerenze criminali. Dal punto di vista operativo ogni territoriale Confapi seguirà l’iter procedurale con le Prefetture di riferimento”.

Gli impianti firmatari del protocollo sono situati in Emilia-Romagna e in Calabria. La centrale di Bando dArgenta, in funzione dal 2001, produce ogni anno 180 GWh di energia, pari al fabbisogno medio di 27.000 persone. La centrale di Finale Emilia, in marcia dal 2016, converte in energia circa 135.000 tonnellate di biomassa solida all’anno. Il 78% proviene da scarti agricoli territoriali derivanti dall’agricoltura, che rappresentano dunque per gli operatori del settore una fonte di reddito integrativa anziché un costo di smaltimento. L’impianto del Mercure è, fra i tre, quello che assicura la maggiore produzione annua di energia (280 GWh) che proviene per la maggior parte da biomassa legnosa (380.000 tonnellate all’anno) fornita da produttori locali.

Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti alla nostra community e ricevi, ogni giorno, tutte le ultime novità del settore!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Articoli correlati