Seabin, il “cestino” di Hera che cattura la plastica in mare

Uno strumento innovativo, capace di “catturare” i rifiuti dai mari, incluse plastiche e microplastiche. Si chiama Seabin, nato dalla collaborazione tra il Gruppo Hera e Marevivo Onlus, ed è stato presentato e installato nel porto di Cervia, alla presenza dei rappresentanti delle realtà coinvolte ed esponenti della Capitaneria del Porto.

Il tutto – riporta un comunicato – grazie alle donazioni raccolte con il progetto della multiutility HeraSolidale che sostiene diverse organizzazioni grazie alla sinergia tra azienda, clienti e dipendenti. Parte della somma raccolta nel 2020 e nel 2021 è stata destinata al progetto di pulizia dei mari che Marevivo Onlus realizza nell’ambito del progetto PlasticLess di LifeGate, società benefit punto di riferimento in Italia nel campo della sostenibilità. In particolare, il progetto ha l’obiettivo di diminuire l’inquinamento puntando sulla raccolta dei rifiuti plastici nelle acque dei porti e nei circoli nautici e di promuovere un modello di economia e di consumo circolare per ridurre, riutilizzare e riciclare i rifiuti, soprattutto le plastiche.

Come funziona Seabin? È un cestino “mangia plastica” che galleggia in acqua e, mediante la forza spontanea del vento e delle correnti, è in grado di catturare fino a circa 1,5 kg di rifiuti al giorno, pari a oltre 500 kg di detriti all’anno comprese microplastiche da 2 a 5 mm di diametro e microfibre a partire da 0,3 mm.

In tutti i territori serviti dal Gruppo Hera, ci impegniamo ogni giorno nella tutela degli ecosistemi: sia contribuendo alla decarbonizzazione dei consumi energetici, sia promuovendo un corretto smaltimento e riciclo dei rifiuti, affinché non vadano dispersi nell’ambiente.” – afferma Cristian Fabbri, Direttore Centrale Mercato del Gruppo Hera e Amministratore Delegato di Hera Comm – “Il progetto realizzato con Marevivo nell’ambito di HeraSolidale si coniuga perfettamente con la nostra idea di sostenibilità, fatta di innovazione ma anche di collaborazione con associazioni e cittadini. Questo progetto, infatti, è possibile anche grazie ai clienti di Hera Comm che, scegliendo le nostre offerte luce e gas verdi, hanno contribuito a un importante progetto di sostenibilità ambientale come quello di Cervia che consente di ridurre l’inquinamento da microplastiche nel mare”.

I rifiuti sono la piaga dell’epoca attuale che minano l’integrità della salute nostra e di tutto il pianeta.”– commenta Carmen di Penta, Direttore Generale Marevivo Onlus – “Una loro corretta gestione, accompagnata dall’educazione ambientale, ormai necessaria e obbligatoria, ci porterà alla consapevolezza che ognuno di noi è responsabile, in prima persona, del proprio comportamento“.

Previous articleEolico, Anev: “Operatori allarmati vogliono vedere i fatti”
Next articleRenault, partnership con Minth Group per le batterie