Reti di ricarica: accordo tra Enel X, Be Charge ed Eni

Enel X, Eni, e Be Charge – società controllata da Eni gas e luce – hanno siglato un accordo che consentirà a chi deve ricaricare i veicoli di utilizzare le infrastrutture delle tre società, che possono contare circa 20 mila punti di ricarica elettrica.

La partnership tra le aziende, spiega una nota, abilita l’interoperabilità tra le proprie reti di ricarica, dando la possibilità ai clienti di accedere al servizio in modo semplice dallo smartphone attraverso le app di Enel X, Be Charge ed Eni Live. Oltre a poter ricaricare  indifferentemente sulle reti di Enel X e BeCharge.

L’interoperabilità delle infrastrutture di ricarica è un tassello fondamentale nella strategia di diffusione della mobilità elettrica in Italia ed è per questo che siamo molto soddisfatti di aver raggiunto un accordo con Be Charge e con Eni, operatori che come noi credono fortemente nell’elettrificazione dei trasporti” ha dichiarato Federico Caleno, Responsabile Mobilità Elettrica per l’Italia.

Gli accordi si inseriscono perfettamente nella strategia di Be Charge di offrire a chi viaggia un’esperienza di rifornimento di energia sempre più facile e servizi ancora più innovativi.
Grazie a partnership strategiche, come quelle con Enel X e Eni“, ha dichiarato Simone Zuccotti, Presidente di Be Charge e Responsabile Innovazione e Sviluppo Business di Eni gas e luce.

Questa sinergia si inquadra nell’ambito della più ampia strategia di Eni per la mobilità del futuro, della quale fa parte l’evoluzione delle attuali stazioni di servizio, ‘mobility point’ nei quali prevediamo, tra l’altro, l’offerta di ricariche fast e ultra-fast per la mobilità elettrica. Nel piano rientra l’installazione di oltre 1.000 colonnine sulla rete delle nostre stazioni in Italia e all’estero entro il 2025” ha dichiarato Giovanni Maffei, Responsabile Commerciale Green e Traditional Refining & Marketing di Eni.

Previous articleRenergetica, acquisito brevetto per la progettazione di impianti agrovoltaici
Next articleAuto elettriche, in Italia cresce l’interesse ma sussistono incertezze