Prysmian Group investe 450 mln per accelerare la decarbonizzazione

Prysmian Group, tra i leader mondiali nel settore dei sistemi in cavo per l’energia e le telecomunicazioni, investirà 450 milioni di euro di qui alla fine del 2022 per migliorare ulteriormente la propria sostenibilità ambientale. Questo nell’ambito degli accordi internazionali per contenere il riscaldamento globale, accelerando la transizione verso l’azzeramento delle emissioni nette di CO2.

L’annuncio è stato dato in occasione dell’evento digitale di stakeholder engagement di Prysmian Group, il Sustainability Day, nel corso del quale il top management ha condiviso la visione, le priorità e i piani per il percorso legato alla sostenibilità. Gli obiettivi di riduzione delle emissioni di carbonio sono considerati Science Based Target, cioè in linea con il livello di decarbonizzazione richiesto per mantenere l’aumento della temperatura globale al di sotto di 1,5 gradi centigradi, come previsto d’accordo di Parigi sul clima.

In qualità di Public Company crediamo che la sostenibilità debba essere parte del nostro DNA.” – ha affermato Valerio Battista, Chief Executive Officer di Prysmian Group – “Siamo impegnati a migliorare la sostenibilità lungo l’intera supply chain e in tutta l’organizzazione, anche attraverso lo sviluppo di soluzioni in cavo e fibra ottica per le reti elettriche e di telecomunicazione, che sono essenziali nel favorire la transizione verso l’uso di fonti di energia rinnovabili e un’economia decarbonizzata”.

Per raggiungere i propri obiettivi in tema di decarbonizzazione, Prysmian Group si giova del sostegno di Carbon Trust, un’organizzazione fondata nel 2001 con l’obiettivo di accelerare la transizione verso un’economia low carbon, e che aiuta le aziende e i governi a realizzare piani ambiziosi per garantire un futuro sostenibile.

Ricordiamo che Prysmian Group è impegnato a sostenere lo sviluppo di reti di energia più green e smart, rinnovabili e digitalizzate, grazie a tecnologie in cavo innovative, in grado di coprire distanze più lunghe e adatte ad essere installate a profondità superiori, per garantire così maggiori prestazioni, affidabilità e sostenibilità. Ogni anno il gruppo  investe oltre 100 milioni di euro in ricerca e sviluppo.

 

Previous articleSuperbonus, report indica impatto sul PIL italiano di 3 punti percentuale
Next articleMilano, progetto Atm per 60 pensiline a impatto zero