Operativo a maggio “Beleolico”, il primo parco eolico d’Italia installato nel Mediterraneo

Le prime turbine eoliche del Mar Mediterraneo sono finalmente arrivate al largo delle coste italiane. Una volta completato, “Beleolico” il primo parco eolico off-shore d’Italia installato nel Mediterraneo – si estenderà davanti alla spiaggia di Lido Azzurro e al porto di Taranto, con “turbine praticamente invisibili dalla costa“, come spiegano in un comunicato i vertici di Renexia, la società che gestisce il parco.

Nel dettaglio, il parco avrà dieci turbine, in grado di alimentare 21.000 case. Battuta, finalmente, anche la burocrazia: ci sono voluti ben 14 anni per portare a termine il progetto “Beleolico”, che dovrebbe essere finalmente operativo entro maggio.

Devo dire che il governo e il sistema-Paese Italia si stanno muovendo nella giusta direzione, per far sì che le autorizzazioni abbiano dei tempi più brevi e, soprattutto, dei tempi certi, che è la cosa più importante per chi, come noi, vuole investire nelle energie rinnovabili”, spiega Riccardo Toto, Amministratore Delegato di Renexia.

È una grande opportunità per cambiare la città e l’opinione sulle energie rinnovabili“, afferma Fabio Matacchiera, subacqueo e noto ambientalista di Taranto. “Speriamo che questo progetto sia semplicemente l’inizio di una nuova era per questa città, che diventi finalmente una città green, in cui anche l’industria sia riconvertita, sia decarbonizzata definitivamente e sia alimentata completamente da fonti rinnovabili“, auspica Lunetta Franco, presidente di Legambiente Taranto.

L’Italia è il quinto paese in Europa in termini di capacità eolica installata, con complessivi 10.758 MW di impianti on-shore, cioè a terra. Il parco di Taranto sarà il primo off-shore.

I progetti off-shore sono più complicati: la profondità media delle acque del Mediterraneo è molto più alta che in altre zone, come nel Mare del Nord, rendendo le installazioni sul fondo marino più complesse e costose. Tuttavia, l’invenzione delle turbine galleggianti ha aumentato il suo potenziale. La Francia ha appena tenuto la prima gara d’appalto per un parco eolico off-shore galleggiante, e anche altri paesi del Mediterraneo, come la Grecia e la Spagna, stanno prendendo in considerazione il progetto.

.

Previous articleCrisi energia, Anev: “In 2 anni forte spinta per le rinnovabili ma snellire burocrazia”
Next articleCanadian Solar, al via produzione di nuovo modulo FV da 420 Wp