zeroEmission Medieterranean 2024
E-CHARGE | 7-8 MAY 2024 - BOLOGNAFIERE
SMART GLASS FORUM 2024 | 8 MAY 2024 - BOLOGNAFIERE
HomePannelli solariL'Unione Europea ha la stessa quantità di pannelli solari immagazzinati rispetto a...
zeroEmission Medieterranean 2024
E-CHARGE | 7-8 MAY 2024 - BOLOGNAFIERE
SMART GLASS FORUM 2024 | 8 MAY 2024 - BOLOGNAFIERE

L’Unione Europea ha la stessa quantità di pannelli solari immagazzinati rispetto a quelli installati

Secondo il rapporto Freedom from Fossil Fuels di Rystad Energy, 40 gigawatt di pannelli solari sono immagazzinati in siti dell’Unione Europea, equivalenti a quelli installati nei 27 Paesi del blocco nel 2022. Lo riporta il sito euronews.com.

Se questi pannelli fossero installati – specifica la comunicazione – potrebbero sostituire sette miliardi di metri cubi di gas fossile, che dovrebbero salire a 15 miliardi entro la fine dell’anno, poiché Rystad Energy prevede che il numero di pannelli immagazzinati dovrebbe crescere fino a 100 gw.

“I Paesi europei devono ampliare i programmi di formazione per gli installatori di pannelli solari, risolvere i problemi di rete e snellire le procedure burocratiche per far uscire i pannelli dai magazzini e collocarli sui tetti di abitazioni e aziende il più velocemente possibile”, ha dichiarato Tara Connolly, Beyond Fossil Fuels Campaigner.

L’Unione europea ha promesso di azzerare le emissioni di carbonio entro la metà del secolo e sta accelerando la sua diversificazione energetica, allontanandosi dai combustibili fossili a causa della guerra in Ucraina. Prima, Mosca forniva il 40% delle importazioni di gas naturale dell’Ue, oltre un quarto delle importazioni di petrolio e il 70% delle spedizioni di carbone.
Da allora, il blocco ha imposto un embargo sulla maggior parte del petrolio e del carbone russi, mentre ha ridotto drasticamente le importazioni di gas russo rivolgendosi a fornitori alternativi. Questa dipendenza dalla Russia per l’energia e la sua militarizzazione da parte di Mosca (che ha interrotto le forniture di gas attraverso i gasdotti Nord Stream verso l’Europa occidentale) hanno spinto l’Ue a raddoppiare l’obiettivo per la diffusione delle energie rinnovabili entro il 2030, portandolo al 42,5%, con gli Stati membri esortati a ridurre la burocrazia per tali progetti.

Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti alla nostra community e ricevi, ogni giorno, tutte le ultime novità del settore!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Articoli correlati