Installate le prime colonnine di ricarica ultrafast Enel X nelle stazioni IP

Parte la nuova rete di stazioni ultrafast per il pieno di energia a veicoli elettrici e ibridi plug-in con circa 15 minuti. Protagonisti di questa spinta alla mobilità elettrica in Italia sono Enel X e IP, con le infrastrutture di High Power Charge per la ricarica ultrarapida, con una potenza fino a 350 kW, attive presso le stazioni di rifornimento IP di Peschiera del Garda (Vr), Zanica (Bg), e Biandrate (No). Tutto questo grazie al progetto europeo per la mobilità elettrica E-via Flex-e che prevede per il nostro Paese sette infrastrutture di ricarica High Power Charge, posizionate all’interno di importanti aree di rifornimento a marchio IP. Attraverso questo programma – co-finanziato dalla Commissione Europea nell’ambito della call Connecting Europe Facility Transport 2016 e coordinato da Enel X in collaborazione con Edf, Enedis, Verbund, Nissan, Groupe Renault e Ibil – verranno creati anche quattro siti ultrafast in Spagna e due in Francia.

La collaborazione con IP è un’ulteriore dimostrazione dell’impegno di Enel X nel promuovere la diffusione della mobilità elettrica in tutto il Paese e la realizzazione di una rete di stazioni ultrafast, che permette tempi di ricarica ancora più rapidi, è fondamentale per favorire gli spostamenti a lunga distanza in auto, compresi i viaggi internazionali.” – spiega in un comunicato Francesco Venturini, Ceo di Enel X – “Quello di oggi è un primo passo importante nel percorso che da qui in avanti ci porterà a installare il maggior numero possibile di punti Hpc lungo tutto lo stivale”.

Grazie a questo progetto Enel X diventa il primo Charge Point Operator in Italia in grado di gestire tutte le tipologie di caricatori presenti sul mercato. Le prime tre stazioni di ricarica italiane ultra veloci fino a 350 kW, dove è possibile ricaricare contemporaneamente quattro veicoli in circa 15 minuti, come detto sono già operative in provincia di Verona, Bergamo e Novara in prossimità dell’autostrada A4. E a queste se ne aggiungeranno altre quattro nel corso del 2021.

“Il distributore IP diventa in questo modo un Hub multienergia per consentire l’accesso a tutte le forme di energia per la mobilità – afferma Ugo Brachetti Peretti, Presidente di IP – e con l’attivazione di punti di ricarica ultrafast lungo i corridoi stradali extraurbani riduciamo i tempi di ricarica avvicinando così l’esperienza di acquisto del cliente con auto elettrica a quello tradizionale, e ampliamo l’offerta della rete dei distributori, che è un’infrastruttura strategica su cui costruire la transizione verso la sostenibilità”.

 

 

Previous articleSMA e Energy Point Garda, nuovo impianto FV per Meccanica Center
Next articleAmbiente, studio indica che in Europa calano le emissioni di gas serra