Il primo rapporto di impatto ambientale di Tesla

    Tesla Roadster 2020

    Tesla Inc. ha rilasciato il suo primo rapporto sull’impatto ambientale martedì pomeriggio, unendosi all’80% delle aziende S & P 500.

    L’azienda ha totalizzato un totale di emissioni di anidride carbonica in tutto il mondo in un solo anno di 282.000 tonnellate di CO2 rilasciate, direttamente e indirettamente, attraverso le sue strutture, le attività energetiche, la rete di caricabatterie per auto e i servizi di vendita e consegna nel 2017. Questi dati stabiliscono una linea di base, che consente agli investitori e ad altri osservatori di rilevare una tendenza nelle relazioni future.

    Le emissioni dirette di Tesla dalle sue strutture – 146.000 tonnellate di CO2 – si confrontano favorevolmente con le case automobilistiche tradizionali. Ford Motor Co. ha dichiarato che le sue emissioni di CO2 in tutto il mondo sono di 4,4 milioni di tonnellate.

    Certo, Tesla vende meno veicoli e si distingue tra i maggiori produttori di automobili perchè non produce auto a combustione interna – e il rapporto sulla sostenibilità si è concentrato su questo.

    Tesla ha venduto oltre 550.000 veicoli a emissioni zero da quando ha iniziato la produzione della sua prima auto elettrica, l’originale Tesla Roadster. Da allora, la flotta di veicoli di Tesla ha guidato oltre 10 miliardi di miglia fino ad oggi, aiutando a prevenire l’immissione di oltre 4 milioni di tonnellate di CO2. L’energia fotovoltaica prodotta sui tetti degli stabilimenti di Tesla ha avuto un impatto simile, con la produzione di elettricità solare della società di 13,25 TWh ad oggi molto superiore ai 5,26 TWh che le auto elettriche della compagnia hanno consumato dalla ricarica.