I fondi della Bei per la mobilità elettrica di Venezia

L’Azienda veneziana della mobilità (Avm) investirà 146 milioni di euro per elettrificare parte dei suoi autobus – che al momento hanno tutti motore diesel – e inserire dei mezzi ibridi nella flotta dei vaporetti. L’operazione è stata finanziata da contributi pubblici, e per l’ammontare di 60 milioni di euro, dalla Banca europea per gli investimenti (Bei).

L’investimento prevede l’acquisto di 30 autobus a trazione elettrica con relative infrastrutture di ricarica per il Lido, 178 autobus di ultima generazione a basse emissioni per l’area metropolitana e 27 nuovi vaporetti, di cui 15 con motori ibridi per il Canal Grande. Il progetto prevede inoltre l’ammodernamento di ulteriori 15 vaporetti diesel con l’installazione di motorizzazioni ibride. La sostituzione e l’ammodernamento delle flotte contribuirà a ridurre le emissioni di CO2. La quota di bus con motore diesel scenderà dal 91% al 70% entro il 2023, mentre la percentuale di mezzi che andranno con carburanti alternativi ed elettrici salirà dal 9 al 30% nello stesso periodo.

Il finanziamento, che beneficia del Fondo europeo per gli investimenti strategici ,sottolinea il cambio di rotta all’insegna dell’ecosostenibilità della Bei, che mediamente investe in Europa 60 miliardi di euro l’anno e ha intenzione di passare entro il 2030, dal 25% al 50% di fondi destinati alla transizione verde.

 

Previous articleSistemi di accumulo per il fotovoltaico, ecco gli incentivi in Friuli Venezia Giulia
Next articleFord, investimento di 42 milioni di euro per la produzione di nuovi modelli ibridi