GSE, iter semplificato per la connessione degli impianti FV fino a 50 kW

Il Gestore dei Servizi Energetici (GSE) ha pubblicato sul proprio sito i nuovi template per la compilazione della Parte I e della Parte II del Modello Unico per la connessione di impianti fotovoltaici. Questo come previsto dal decreto ministeriale del 19 maggio 2015, poi aggiornato e integrato dal d. lgs 199/2021 e dalla deliberazione 128/2022.

I nuovi template del modello unico – riporta una nota a corredo – consentono un iter semplificato per la connessione degli impianti fotovoltaici fino a 50 kW e per l’accesso al regime del ritiro dedicato.

I produttori interessati dovranno interfacciarsi con i gestori di rete per i quali è stato attivato, all’interno del portale area clienti GSE, il nuovo servizio Modello Unico – MU. Questo modello consente la trasmissione dei file degli impianti che richiedono l’accesso al ritiro dedicato.

Dopo l’invio dei dati, il Gestore dei Servizi Energetici provvederà ad attivare il contratto di ritiro dedicato. Il GSE provvederà inoltre a inviare al produttore il codice relativo e il link per visualizzarlo sul Portale Ritiro Dedicato – RID. Il contratto sarà attivo a partire dalla data di attivazione della connessione, comunicata dal gestore di rete.

 

 

Previous articleFincantieri, accordo con Norwind per 2 navi destinate all’eolico offshore
Next articleDL Energia, le novità per le rinnovabili approvate dalla Camera