Fotovoltaico in agricoltura, 75% aziende sarde interessate

Il 75% delle imprese agricole sarde è interessato alle produzioni di energia elettrica da fonti rinnovabili, in particolare agrisolare e agrivoltaico, il primo da installare sui tetti degli immobili strumentali dell’azienda agricola e il secondo da installare sui terreni agricoli, con strutture alte 3 o 4 metri dove sotto i pannelli si devono coltivare (obbligatoriamente) colture agricole. L’analisi è del Centro Studi agricoli che ha incontrato migliaia di imprenditori delle campagne su questo tema.

Per Tore Piana, presidente del Csa, “un forte impulso è stato dato dalla crisi energetica a causa del conflitto tra Ucraina e Russia, fra i maggiori produttori di gas importato in Italia. Inoltre la crisi economica e gli alti costi di concimi, mangimi, gasolio e appunto dell’energia portano l’azienda a ricercare fonti alternative di reddito fra le attività connesse a quella principale agricola“. Durante le riunioni la maggioranza degli agricoltori ha detto di conoscere almeno superficialmente l’agrivoltaico ma un buon 50% dichiara che manca una adeguata informazione.

Girano tante notizie e fake, in particolare sui canali social.” – osserva Piana – “Certo non aiuta il quasi vuoto normativo delle leggi e dispositivi regionali (fermi al 2011 cui l’unico riferimento resta il PPR): urge approvare una legge sulla materia, necessaria a far chiarezza. La Sardegna è una delle poche regioni ad non averla”.

Previous articleSolarEdge presenta nuove soluzioni per la gestione dell’energia domestica a MCE 2022
Next articleFerrari installa a Maranello impianto fuel cell da 1 MW