Eolico offshore, partnership strategica tra BP e Equinor

BP – società del Regno Unito operante nel settore energetico – ha comunicato l’avvio di una partnership strategica nell’eolico offshore con la norvegese Equinor.

Più in dettaglio – riporta un comunicato – BP, con l’obiettivo di diventare una compagnia energetica integrata e sempre più votata alle tecnologie pulite, acquisterà il 50% di due progetti Equinor nell’eolico marino negli Stati Uniti, pagando 1,1 miliardi di dollari alla stessa Equinor. I progetti sono Empire Wind e Beacon Wind, entrambi lungo la costa est degli Stati Uniti. Si parla di un potenziale complessivo di oltre 4 GW di potenza installata, considerando i due siti in cui saranno realizzati gli impianti offshore.

Il progetto più avanzato – specifica il comunicato – in questo momento è la fase-1 di Empire Wind: nella prima gara per l’eolico offshore bandita dallo Stato di New York, lo scorso luglio 2019, Equinor si è aggiudicata 816 MW da sviluppare con un impianto di 60-80 pale eoliche, da oltre 10 MW ciascuna.

La nota ricorda infine che BP, dopo aver registrato perdite per 17 miliardi di dollari nel secondo trimestre 2020, ad agosto ha annunciato che punterà a ridurre del 40% la produzione di fonti fossili entro il 2030, rispetto ai livelli del 2019, e che (sempre al 2030) aumenterà gli investimenti annuali in rinnovabili a 5 miliardi di $ in modo da contare su 50 GW totali di capacità installata in energie low-carbon.