Economia circolare: AcegasApsAmga ottiene la certificazione da Bureau Veritas

AcegasApsAmga, con le sue controllate Hera Luce e ASE (AcegasApsAmga Servizi Energetici), ha ottenuto da Bureau Veritas la certificazione AFNOR XPX30-901 che attesta la rispondenza del modello organizzativo implementato all’interno delle tre società nella gestione dei progetti innovativi e di sviluppo rispetto all’economia circolare, secondo detto standard di riferimento.

AcegasApsAmga è così diventata la seconda multiutility in Italia (dopo la Capogruppo Hera SpA)a conseguire questa certificazione con Bureau Veritas dimostrando di essersi dotata di un sistema di gestione che, oltre a impostare la gestione dei progetti in ambito economia circolare secondo un approccio strutturato, supporti una comunicazione affidabile verso il mercato.

La certificazione a fronte dello standard AFNOR favorisce infatti la standardizzazione delle metodologie aziendali per la gestione dei progetti attraverso l’adozione di uno strumento concreto per effettuare una loro analisi critica. In particolare, si basa su una matrice che intreccia le 3 dimensioni classiche della sostenibilità (ambiente, economia, società) con le 7 aree d’azione dell’economia circolare (Approvvigionamenti sostenibili, Progettazione ecocompatibile, Simbiosi industriale, Economia dei servizi, Consumi responsabili, Estensione della vita utile di prodotto, Gestione efficiente dei prodotti e materiali).

«L’ottenimento della certificazione Afnor per l’economia circolare ci rende orgogliosi perché testimonia l’impegno e l’operato profuso dalla nostra azienda verso la sostenibilità ambientale nel corso degli anni – spiega Roberto Gasparetto, Amministratore Delegato di AcegasApsAmga -. “Non lo consideriamo un risultato raggiunto, ma uno strumento che concretizza la volontà di mettere a sistema nei processi di business l’obiettivo dello sviluppo sostenibile, come ulteriore guida e stimolo costante a ridurre gli impatti ambientali, sociali oltre che economici di ogni progetto e processo operativo».

Previous articleCelle solari tandem perovskite-silicio: raggiunto il 32,5 % di efficienza
Next articleTÜV NORD, droni per ispezionare le torri eoliche