Anche il fotovoltaico nella riqualificazione dell’Università Bicocca di Milano

Grandi novità in arrivo, in tema di sostenibilità, per l’Università Bicocca di Milano. Sul tavolo un piano per l’ammodernamento strutturale e tecnologico della sede, la ridefinizione funzionale degli spazi e la creazione di nuove opere al fine di contribuire alla competitività dell’Ateneo. Sono quattro i finanziamenti da complessivi 42,2 milioni di euro concessi da Cassa Depositi e Prestiti (Cdp) all’ateneo per la riqualificazione e lo sviluppo.

L’operazione si articola in due parti. La prima è rappresentata da due linee di credito, per un ammontare di oltre 31,4 milioni, per la realizzazione di un campus più sostenibile, interattivo, inclusivo e flessibile destinato a una comunità in crescita che attualmente si compone di oltre 40.000 persone tra studenti, docenti e personale tecnico-amministrativo. Il progetto prevede interventi di efficientamento energetico, con l’installazione di pannelli fotovoltaici, e di ammodernamento tecnologico per gli spazi dedicati agli studenti, che avranno a disposizione nuove aule e sale studio. Inoltre, per favorire la mobilità dolce, il campus verrà dotato di velostazioni per le biciclette attrezzate con spogliatoi e docce.

Le risorse messe a disposizione da Cdp, inoltre, sono destinate a sostenere nuovi interventi di natura edile, strutturale ed impiantistica volti alla realizzazione di tre laboratori ad alto impatto tecnologico e scientifico presso i Dipartimenti di Eccellenza di Scienze dell’ambiente e della terra, di Scienza dei materiali e di Biotecnologie e bioscienze. Cdp ha anche concesso due finanziamenti del valore complessivo di 10,8 milioni per il completamento e alla riorganizzazione delle residenze universitarie ‘Demostene’, ‘I Sirenei’ e ‘Casa Marmont – Modena’ con la creazione di nuovi posti letto e il miglioramento degli spazi per gli utenti diversamente abili.

Previous articleBayWa r.e., parchi solari nel sud della Spagna per alimentare le attività di VELUX
Next articleConsorzio di Taiwan progetta modulo FV che facilita il riciclo di tutti i suoi materiali