Visa, raggiunto obiettivo di utilizzare energia elettrica rinnovabile al 100%

Visa – la grande società di pagamenti via carta o online – ha comunicato di aver centrato il proprio obiettivo di utilizzare elettricità rinnovabile al 100% entro il 2020. Da quando è stato fissato l’obiettivo, nel 2018, Visa ha operato all’interno del proprio portafoglio di strutture globali, progredendo verso un mix sostenibile di fonti di energia rinnovabile come quella solare ed eolica.

In Visa, consideriamo una responsabilità e un’opportunità compiere rilevanti cambiamenti verso un futuro sostenibile e inclusivo – ha commentato nella nota diffusa Al Kelly, amministratore delegato di Visa Inc. – Sono orgoglioso degli investimenti che abbiamo compiuto nella nostra struttura per raggiungere tale pietra miliare nell’energia rinnovabile. Continueremo a dare la priorità al consolidamento del ruolo della nostra attività e del nostro settore nella transizione verso un’economia globale più pulita”.

Collaborando con le utility locali e i fornitori più competitivi del mercato dell’elettricità, Visa ha selezionato le opzioni di energia che meglio si adattano all’approccio di ciascun Paese all’energia elettrica rinnovabile. La società ha effettuato investimenti locali nel settore delle rinnovabili nei mercati in cui la società dispone di strutture rilevanti, tra cui quattro sedi negli Stati Uniti e nel Regno Unito, che rappresentano l’80% del proprio consumo globale di elettricità.

Acquisendo energia elettrica rinnovabile al 100%, Visa riduce le emissioni di gas serra dell’elettricità consumata dalla società diminuendo le emissioni operative delle proprie strutture e data center di quasi il 90% rispetto alla linea guida definita nel 2014. Per Amy Davidsen, direttore esecutivo per il Nord America dell’organizzazione ambientalista The Climate Group, Visa ha così dimostrato “che è possibile per le società passare rapidamente all’energia pulita. Un’azione di leadership come questa aiuta ad accelerare il cambiamento del mercato e riduce le emissioni di gas serra”.

Inoltre, le azioni specifiche di Visa hanno incluso le iscrizioni ai programmi di energia elettrica rinnovabile offerti da Total Energy nel Regno Unito, Xcel Energy in Colorado, Austin Energy in Texas e Peninsula Clean Energy nella Baia di San Francisco.

 

Previous articleGreen Deal dell’UE, la Germania dice addio al nucleare e ai combustibili fossili
Next articleRete elettrica, il piano di Terna per dare primato all’Italia

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here