UNRAE: “boom” di vendite per le auto elettriche. Ancora “di nicchia”, ma in grande crescita

Unrae

Nei primi otto mesi di quest’anno immatricolate in Italia 6.453 vetture elettriche (+109%). Il 41% a privati: di queste il 72,4% a uomini e i 3/4 nel Nord Italia, mentre Roma è al 1° posto

L’UNRAE, l’associazione che raggruppa le Case automobilistiche estere che operano in Italia, ha reso noti i dati dei primi otto mesi di quest’anno relativi all’immatricolazione di vetture elettriche nel nostro Paese. L’analisi rileva che le auto a zero emissioni vendute da gennaio ad agosto sono state 6.453, in crescita del 109% rispetto allo stesso periodo del 2018, anche se la copertura rispetto al mercato totale delle auto immatricolate rimane “di nicchia” (solo lo 0.5%).

Scendendo nel dettaglio, l’analisi effettuata dal Centro Studi e Statistiche UNRAE in occasione della Settimana Europea della Mobilità (una campagna istituzionale che sostiene diverse alternative di mobilità sostenibile nelle città) ha appurato che la maggior parte delle auto elettriche sono state acquistate da privati (il 41%), mentre il 30,7% dei veicoli sono stati messi in strada con la formula del noleggio a lungo termine. In crescita nel periodo preso in esame anche i diversi modelli immatricolati, passati dai 22 del 2019 ai 26 di quest’anno.

In questo contesto, il Centro Studi UNRAE è andato ad approfondire in particolare le scelte dell’acquirente privato di autovetture elettriche nei primi 8 mesi del 2019. Ne risulta che il 72,4% delle immatricolazioni di BEV (battery electric vehicle) sul mercato privati è realizzato da uomini (13,2 punti percentuali in più rispetto ai valori di mercato su tutte le altre alimentazioni) e che la fascia di età più rappresentativa è quella da 46 a 55 anni, con il 32,8% di quota di mercato (+7,4% rispetto alla quota su tutte le altre alimentazioni).

Dal punto di vista geografico, circa i 3/4 degli acquisti di autovetture elettriche si concentrano nel Nord del Paese, mentre la città di Roma rimane al primo posto per numero di immatricolazioni, pur riducendo la sua quota a meno della metà rispetto al 2018.

Se guardiamo cosa i clienti hanno dato in permuta a fronte dell’acquisto di auto elettriche, nei primi 5 mesi di questo anno (periodo nel quale il dato è consolidato) il 45% dei veicoli permutati ha alimentazione diesel, in linea con le tendenze in atto; segue la benzina al 35% del totale. Da segnalare anche un 10% di veicoli elettrici. Ciò è spiegato in parte con le offerte vantaggiose che le Case automobilistiche rivolgono agli utilizzatori di BEV in occasione dell’uscita di nuove versioni del modello in uso.

Guardando al mercato dell’usato, infine, nei 5 mesi sono stati 422 i passaggi di proprietà al netto delle minivolture, con oltre il 57% che coinvolge quattro principali modelli.